Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

A Casarsa della Delizia

Società
05 marzo 2019

Boom di richieste al Doposcuola. Ma mancano i volontari

di redazione (fonte Il Piccolo Principe)
Già 75 i minori iscritti quest'anno e una trentina in lista d'attesa
CONDIVIDI
28674
Società
05 marzo 2019 di redazione (fonte Il Piccolo Principe)

La cooperativa sociale Il Piccolo Principe lancia un appello per cercare nuovi volontari a supporto del servizio comunale di Sostegno socio educativo pomeridiano, ovvero il Ssep, a Casarsa della Delizia.

“Attualmente - ha spiegato Luigi Cesarin, presidente de Il Piccolo Principe, nonché coordinatore del Ssep  - i volontari che dedicano il loro tempo al doposcuola pomeridiano sono 28, tanti ma non sufficienti per rispondere ai bisogni dei 75 minori che quest'anno frequentano il servizio comunale a Casarsa. Per questo abbiamo pensato di lanciare questo appello facendo parlare chi è o è stato volontario al doposcuola, per far capire che l'esperienza del volontariato può davvero essere gratificante e arricchente. Speriamo di trovare presto nuove forze volontarie a darci una mano con i nostri ragazzi per mantenere alta la qualità del servizio”.

Dal 1986 a oggi il doposcuola realizzato dal Comune di Casarsa della Delizia con la compartecipazione dell’Istituto Comprensivo, dei Servizi Sociali, de  Il Piccolo Principe e Il Noce, ha coinvolto oltre 800 minori. Quest’anno, nelle due sedi di Casarsa e San Giovanni, gli iscritti sono 75, un record assoluto. E molti altri minori (circa una trentina) sono in lista di attesa per accedere a questo servizio comunale. Obiettivo del Ssep è supportare i ragazzi in un percorso verso l'autonomia nello studio e nell'acquisizione di competenze sociali e relazionali. Gli alunni sono seguiti dal lunedì al sabato da quattro educatori qualificati, spesa sostenuta da fondi comunali, affiancati da 28 volontari facenti parte dell’associazione Il Noce, dell’Agesci, dell’Azione Cattolica locali oltre a 4 giovani del Servizio Civile Solidale della regione.

Per autocandidarsi basta solo telefonare al numero 0434 870062.

Commenti (0)
Comment