Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Gli obiettivi dell'azienda Colutta

Società
15 febbraio 2019

Da Manzano agli States, via Russia e Giappone

di redazione (fonte Colutta)
La realtà friulana specializzata nella produzione di vini di qualità mira al mercato internazionale per espandere la propria produzione
CONDIVIDI
28391
Giorgio Colutta
Società
15 febbraio 2019 di redazione (fonte Colutta)

«Uno degli obiettivi per il 2019 è sviluppare il mercato nazionale grazie a una collaborazione con il prestigioso distributore nazionale Vino&Design. Ma l'azienda Colutta vuole anche continuare a sviluppare la presenza sui mercati esteri».

Ad affermarlo è Giorgio Colutta, titolare dell'omonima azienda agricola di Manzano, impegnata nella produzione e commercializzazione di vini “made in Friuli - Colli Orientali”. Nel corso dell'anno, questa realtà punta a incrementare la sua percentuale di export, che attualmente si attesta sul 65%, a cominciare dal Giappone: «Sono in fase di eliminazione i dazi che, finora, hanno costituito un freno all'importazione in questo Stato - sottolinea l'imprenditore - e quindi la possibilità di esportare con una tassazione più vantaggiosa ci agevolerà di certo». Attualmente, il 3% della produzione Colutta finisce nel Paese del Sol Levante, dove viene portato appena qualche migliaio di bottiglie. Tra i vini più gettonati, oltre ai bianchi, sono in particolare Refosco, Pignolo e Schioppettino a incontrare i gusti dei nipponici.

Non solo Giappone, però, negli orizzonti di Colutta. Un peso rilevante ce l'hanno gli Stati Uniti, un mercato che incide per il 40% dell'export (e per il 20% della produzione totale) della cantina di Manzano. «È un territorio molto ricettivo ai prodotti di qualità e la East Coast, in particolare, ci sta assicurando delle ottime soddisfazioni. Sono molto apprezzati i nostri bianchi: Pinot Grigio, Sauvignon, Friulano e ora anche Ribolla Gialla piacciono molto, tra i rossi ha un notevole gradimento il Refosco». Per consolidare ulteriormente la presenza negli States, Giorgio Colutta in persona sarà presente il 6 marzo a una degustazione organizzata a New York da James Suckling, considerato uno dei massimi esperti di vino su scala mondiale, mentre l'8 dello stesso mese è in programma un altro appuntamento a Eataly, sempre a New York.

L'obiettivo dell'azienda, in ogni caso, punta anche su altri Paesi esteri: «La Russia - conclude Colutta - si conferma un mercato di spicco e in notevole fermento, anche per quanto concerne i grandi formati da 1,5 e 3 litri. E poi, grande attenzione all'Asia: in crescita l'export in Laos, Vietnam e Thailandia».

Commenti (0)
Comment