Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

La persona più anziana del paese

Attualità
05 dicembre 2018

Ruda festeggia i 100 anni di nonna Ada

di Livio Nonis
"Il segreto della mia longevità? Mangiare e bere in modo appropriato. E lavorare, stare sempre in movimento”
CONDIVIDI
27687
Ada Godeas (ph. Livio Nonis)
Attualità
05 dicembre 2018 di Livio Nonis Image

Ha soffiato su una torta con 100 candeline, una per ogni anno di vita, Ada Godeas nata a Medea il 28 novembre 1918. A festeggiarla la figlia Mirella con la famiglia, i nipoti Fabio, Fulvio e Gianluca e i due pronipoti Alice e Christian, ma c'erano anche tanti amici e conoscenti a celebrare la persona più anziana di Ruda.

Una festa che ha reso felice la neo centenaria, rimasta benevolmente sorpresa per un genetliaco indimenticabile.

Quella di Ada non è stata una vita agiata e tranquilla: sposata con Arceo Calligaro nel 1938, dopo poco arrivò Mirella; un paio di anni dopo Ada era nuovamente in dolce attesa, ma in quel periodo imperversava la Seconda guerra mondiale e il marito Arceo dovette partire per la guerra. Dopo due anni di Grecia venne trasferito in Russia con la Divisione Julia, ma non fece più ritorno: fu dichiarato disperso in guerra nel 1943. Nel frattempo era nato Odino, che non conobbe mai suo padre e che è morto nel 2001.

Nell’oggettiva difficoltà di dover crescere i due bimbi Ada non si perse d'animo; dopo una prima parentesi da contadina, aprì un negozio di mercerie e, successivamente, anche di frutta e verdura assieme al suo nuovo compagno di vita Mario Felchero, fino alla meritata quiescenza. A quel punto si trasferì a Ruda dove iniziò la nuova vita da pensionata.

Abilissima nell’usare l'uncinetto (tutte la tendine della casa sono sue creazioni), è stata costretta nel tempo ad abbandonare questo hobby a causa di un infortunio alla mano. Ora, nonostante le tante primavere, riesce ancora con qualche aiuto a salire e scendere le due rampe di scale per godersi d'estate il suo giardino.

Ad Ada abbiamo chiesto la ricetta per questo elisir di lunga vita e lei, serafica, ci ha risposto: “Mangiare e bere in modo appropriato, e lavorare, stare sempre in movimento”.

Impossibile non rinnovare caldamente gli auguri alla bisnonna Ada! 

Commenti (0)
Comment