Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Realizzato dalla Pasticceria l’Oca golosa

Società
29 novembre 2018

Gorizia, un dolce per restaurare il “mezzaro” genovese

di redazione (fonte Fondazione Coronini)
Torna il "Panettone del Conte" per finanziare la sistemazione di uno dei pezzi pregiati delle collezioni Coronini
CONDIVIDI
27610
Società
29 novembre 2018 di redazione (fonte Fondazione Coronini)

Torna per le feste natalizie 2018 il Panettone del Conte, il dolce realizzato in edizione limitata per iniziativa della Fondazione Coronini Cronberg e la Pasticceria l’Oca golosa. Grazie alla collaborazione tra le due realtà goriziane il dolce per eccellenza della tradizione natalizia diventa sinonimo di solidarietà verso il progetto culturale voluto dal conte Guglielmo Coronini e dalla sua famiglia. Un dono da fare o da regalarsi, che sarà anche un omaggio alla cultura goriziana: acquistando infatti “Il Panettone del Conte” si potrà contribuire al restauro di un pezzo delle collezioni Coronini.

Una percentuale del ricavato sarà infatti destinata al recupero di un oggetto particolarmente caro al conte Guglielmo Coronini, che l’aveva acquistato personalmente nel 1959. Si tratta di un “mezzaro” genovese, un telo di cotone stampato con motivi di gusto orientale che le donne genovesi a partire del Settecento indossavano come una sorta di grande scialle, in cui si avvolgevano completamente. I “mezzari” già all’epoca erano spesso impiegati come tappezzerie, un utilizzo adottato anche dal conte Coronini che l’aveva appeso sulle pareti della sua camera da letto. Fragile e delicato, da oltre dieci anni è stato rimosso dal percorso museale proprio a causa delle gravi condizioni conservative e solo un intervento di restauro potrà consentirne di nuovo l’esposizione.

Nella confezione del panettone (realizzato con ingredienti naturali, ovvero uova, burro, zucchero, uvetta sultanina, canditi, i profumi della vaniglia e degli agrumi di Sicilia, senza dimenticare il lievito madre e per l’impasto la farina integrale del “Patto della Farina”, ottenuta solo da grani antichi autoctoni del Friuli Venezia Giulia, macinati al Molino Tuzzi di Dolegna del Collio seguendo una filiera a km 0) sarà inoltre incluso anche un biglietto omaggio per visitare Palazzo Coronini: le prenotazioni per il “Panettone del Conte” sono già aperte online su www.panettonedelconte.it. Inoltre da venerdì 30 novembre a domenica 2 dicembre il dolce sarà disponibile alla Mostra Assaggio Vini targata Autoktona al Trgovski Dom di corso Verdi.

Lo scorso anno, grazie alla prima edizione dell’iniziativa, si è potuto dare nuova vita a una consolle con specchiera in legno dorato e porcellana del XIX secolo, giunta direttamente dall’impero degli zar di Russia. Il mobile faceva infatti parte dell’eredità che la madre del conte Guglielmo Coronini ricevette nel 1913 dallo zio Eduard Cassini, capo delle cerimonie alla corte degli ultimi zar. Il mobile ristrutturato è esposto a Palazzo Coronini nell’ambito della mostra “L’eredità russa dei conti Coronini. Opere d’arte e oggetti preziosi dall’impero degli zar”, rassegna dedicata ai gioielli e agli arredi russi delle collezioni Coronini. Gli orari di apertura sono venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Lo stesso orario sarà valido giovedì 27 dicembre, mercoledì 2 gennaio e giovedì 3 gennaio. Le visite guidate incluse nel biglietto d’ingresso sono previste sabato e domenica alle 16.30.

Commenti (0)
Comment