Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Per due fine settimana

Società
27 novembre 2018

Trieste rende omaggio alla jota

di redazione (fonte Comune di Trieste)
Sabato 1 dicembre l'inaugurazione di "Jotamata": in una quarantina di locali in programma degustazioni speciali del tradizionale piatto cittadino
CONDIVIDI
27569
Società
27 novembre 2018 di redazione (fonte Comune di Trieste)

“Jotamata” è il titolo dell'iniziativa dedicata al tipico piatto triestino, presentata stamane nella sede di via Genova dall'assessore comunale al Turismo e Promozione del territorio Maurizio Bucci, presenti Enrico Pobega, dell'Accademia Italiana della Cucina,  Federico Prandi della società “Prandi comunicazione e marketing srl”, Michele  Ciak, presidente della Pro Loco Trieste e gestore dell'Info Point di piazza dell'Unità d'Italia.

L'edizione “zero” di Jotamata, in programma da sabato 1 a domenica 9 dicembre, vuole celebrare la 'jota', il piatto tipico della città di Trieste, esaltandone l’unicità proprio nella stagione dell'altra ‘specialità’ tutta triestina: la Bora. In circa quaranta locali tra ristoranti, trattorie, caffè storici e buffet tipici sarà possibile, per turisti e cittadini, 'gustare' un piatto di jota.

La jota venne codificata ufficialmente con atto notarile nel 2003, depositato presso la Camera di Commercio a cura della Delegazione di Trieste dell’Accademia Italiana della Cucina (fondata il 29 luglio 1953). Descritta come una minestra a base di crauti (“capuzi garbi” in dialetto triestino, “cavolo cappuccio” in italiano) e fagioli, patate e carne di maiale, la jota deve molto probabilmente il suo nome a jutta, (termine tardo latino che significa “brodo, brodaglia, beverone”, forse di origine celtica).       

“Come scrisse Cesare Fonda, grande studioso, esperto di cose triestine, nel suo celebre libro Ocio a la jota - ha affermato Enrico Pobega – il piatto racconta la storia, la politica, l’economia, il clima della città e l’estro dei triestini. Dice Fonda che la jota parla di freddo e di inverno, con tutti i fagioli e tutto il maiale... è avere davanti agli occhi e vivere con tutti i sensi un autentico concentrato della città, delle tante anime che la rendono ricca di memorie e di fascino”.

Tutti i locali aderenti esporranno una vetrofania che riprodurrà il motto dell’iniziativa, Jotimisti, per identificare da subito l’adesione a Jotamata. I due fine settimana toccati dall’evento (1-2 e 8-9 dicembre) renderanno inoltre protagonisti i Caffè storici con una degustazione-aperitivo a base di jota: tra le ore 11 e le 12, infatti, tutti saranno invitati al jota-time per scaldarsi con una degustazione della celebre zuppa, con il possibile accompagnamento del vino del territorio.

Sabato 1 dicembre, in particolare, alle 11, al Caffè Tommaseo è in programma l’inaugurazione ufficiale di Jotamata per la stampa e il pubblico, con l’accompagnamento del duo di musica tzigana Simonetto-Daris, con il noto violinista Alessandro Simonetto e il virtuoso della fisarmonica Roberto Daris, tra arie balcaniche e tzigane.

L’aperitivo musicale si replicherà domenica 2 dicembre allo Storico Caffè San Marco, mentre domenica 9 dicembre lo “jota-time” sarà proposto al Caffè degli Specchi in Piazza Unità.

Sono previsti anche gli Jota-tour, tour gratuiti per i visitatori della città, che partiranno da Piazza Unità e si concluderanno con un assaggio di jota nei caffè storici.

Jotamata coinvolgerà non solo i locali del centro cittadino ma si estenderà anche fino al borgo marinaro di Portopiccolo, a Sistiana, passando da Opicina, Monrupino, Giarrizzole, Erta Sant’Anna, via dell’Eremo.

Info: www.prolocotrieste.org e www.discover-trieste.it 

Commenti (0)
Comment