Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Realizzato dalla pasticceria “L’Oca Golosa”

Società
19 novembre 2018

Da Gorizia il panettone artigianale tra i più succulenti d'Italia

di redazione (fonte L'Oca Golosa)
Riconoscimento nazionale per Valentina De Luca. "Le prossime sfide? Il panettone al cioccolato e quello al caffè”
CONDIVIDI
27485
Valentina De Luca con i suoi panettoni
Società
19 novembre 2018 di redazione (fonte L'Oca Golosa)

Arriva da Gorizia uno dei migliori panettoni artigianali della penisola. Per l’esattezza è frutto dell’amore e della dedizione de “L’Oca Golosa”, pasticceria artigianale aperta da tre anni in corso Italia grazie all’impegno di tre under 30. A sancire che il loro panettone è tra i trenta migliori panettoni artigianali in Italia è “Mastro Panettone”, evento organizzato dal portale Goloasi.it, che riunisce maestri pasticceri provenienti dall’intera penisola per scegliere e premiare il panettone artigianale più buono dell’anno. Due le categorie: “Miglior panettone artigianale tradizionale” e “Miglior panettone artigianale creativo al cioccolato”. Un riconoscimento quindi di livello nazionale, che premia la professionalità e l’impegno con cui Valentina De Luca della pasticceria goriziana ha realizzato un panettone di altissima qualità, rigorosamente rispettoso del severo disciplinare esistente.

“Non mi aspettavo di vincere questo premio, è stata una grandissima soddisfazione. Sono contenta che sia stato riconosciuto l’intenso lavoro e lo studio fatto per ottenere questo panettone”, spiega Valentina, che gestisce “L’Oca Golosa” insieme al fratello Federico e al compagno Francesco Pizzigallo.

“Il mondo dei cosiddetti ‘grandi lievitati’ – prosegue Valentina – è particolare e richiede un’accurata preparazione, soprattutto per imparare a usare il lievito madre, che è una sorta di bambino da accudire e mantenere. Ho frequentato la scuola di pasticceria “Arte dolce” con il maestro Alessandro Bertuzzi, poi ho messo in pratica quanto ho appreso, facendo una serie di esperimenti. I primi non sono proprio riusciti come avrei voluto, poi provando e riprovando ho ottenuto quello che volevo”.

Ad aggiudicarsi il riconoscimento è stato un panettone tradizionale, bianco, con uvetta e frutta candita. La farina è quella del mulino Tuzzi di Dolegna del Collio, quindi a chilometri zero; gli altri ingredienti sono rispettosi del disciplinare che impone per il panettone precise indicazioni per ingredienti e grammatura. E dopo la toccata e fuga a Villa Menelao a Turi, in Puglia, per ritirare il premio, Valentina tornerà a dedicarsi alla pasticceria: “Il lavoro è sempre tanto. Le prossime sfide? Il panettone al cioccolato e quello al caffè”.

Commenti (0)
Comment