Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dall'11 al 29 dicembre il Piccolo Festival dell'Animazione

Cultura e Spettacolo
08 novembre 2018

Musica e corti d'animazione si intrecciano in FVG

di redazione (fonte Piccolo Festival dell'Animazione)
Tutto pronto per la rassegna internazionale itinerante che toccherà Trieste, Udine, Gorizia, Pordenone, Staranzano, Cervignano,Venezia. Ecco le anticipazioni
CONDIVIDI
27339
Davide Toffolo
Cultura e Spettacolo
08 novembre 2018 di redazione (fonte Piccolo Festival dell'Animazione)

È ormai pronta la nuova edizione del Piccolo Festival dell'Animazionela rassegna internazionale di cortometraggi di animazione, che arriva nel 2018 al suo undicesimo compleanno. Proiezioni, convegni, workshop e conferenze riempiranno le giornate dall'11 al 29 dicembre in tutto il Friuli Venezia Giulia.

I RICONOSCIMENTI
Il Piccolo Festival dell'Animazione è stato riconosciuto dalla Direzione Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali un evento di valenza nazionale. Patrocinato dal MIBAC da diversi anni, pochi mesi fa il Piccolo Festival era già stato inserito anche nelle iniziative dell’Anno Europeo del Patrimonio della Cultura 2018.

LA STRUTTURA E IL FOCUS DELL'EDIZIONE 2018
Unico in Italia, il Piccolo Festival dell'Animazione si svolge con una struttura diffusa e policentrica. La sua formula originale lo vede presente in tutto il territorio della regione Friuli Venezia Giulia in più sedi (le quattro province sono coinvolte, con l'inclusione extra regionale di Venezia e Lubiana) con una presentazione di 80 cortometraggi, molti dei quali in prima visione nazionale.

I film sono presentati in prevalenza in sale cinematografiche dotate di tutti i sistemi tecnologici avanzati di proiezione e in centri o Istituti di alto interesse culturale. 
Nel 2018 il Piccolo Festival propone come fil rouge delle proprie ricerche e delle proiezioni il rapporto tra musica e immagini nei corti d'animazione; in questo contesto il Piccolo Festival annuncia la collaborazione con il Festival Wunderkammer e il Conservatorio “Tartini” di Trieste, che ospiterà una performance di particolare interesse.

Il programma del Piccolo Festival ha l'intenzione di far conoscere e diffondere il più possibile il fascino del linguaggio cinematografico dei corti animati e si rivolge ai neofiti, ai curiosi, agli appassionati. Una sezione è dedicata ai musicisti, agli artisti, agli studenti del Conservatorio di Trieste e dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, aperto anche ad altri studiosi e persone interessate.

Anche quest'anno sono diverse le Masterclass e i laboratori messi a disposizione dalla lista di ospiti, autori, studiosi, produttori italiani e stranieri che collaborano al Festival, anche grazie alla  partnership con Animateka Film Festival di Ljubljana
Ricchi di proposte anche i laboratori dedicati alle scuole elementari, medie e medie superiori del FVG coordinati da VivaComixLab e organizzati all’interno di "Viva i Fumetti", il concorso gemellato con la Slovenia e organizzato con la partnership di Stripburger di Lubiana.

LE ANTICIPAZIONI
Un convegno e diversi focus avranno tra i principali protagonisti delle firme illustri della contemporanea scena musicale e artistica in generale: tra i tanti ospiti lascerà una testimonianza in video l'autore Teho Teardo e saranno presenti Marek Zebrowskj, autore musicale del corto animato di David Lynch, "Pozor" ("Fire"), e Andrea Martignoni ,studioso e sound designer specializzato di molti film nazionali e internazionali; con loro anche Amos Cappuccio, Lorenzo Tomio, Enrico Ascoli, Mateja Starec.

Parte attiva del festival è Roberto Paci Dalò, firma dello scenario contemporaneo tra musica, arte e tecnologia.

Al Conservatorio una performance tra musica e video live vede protagonisti la clavicembalista Paola Erdas e l’artista canadese Jean DetheuxCarlo Montanaro,  studioso di cinema d’animazione e direttore di La Fabbrica del Vedere di Venezia, presenterà un programma sulle opere di Len Lye in pellicola 16 mm. 
In programma è anche il nuovo video dei Subsonica, in uscita il 9 novembre, firmato da Donato Sansone. E sempre in tema di musica, sarà Davide Toffolo a proporre uno speciale dj set per il popolo del Piccolo Festival che avrà voglia di danzare la domenica sera (16 dicembre) a Cervignano.

Il programma storico prevede la proiezione dei 3 film vincitori di Euganea Film Festival negli anni ’70 e donati a Cinemazero in 35 e 16 mm; inoltre le sigle televisive prodotte dalla Gertie Film di Milano con Lorenzo Mattotti, Franco Matticchio e altri. Dello stesso Matticchio verrà presentata dal 23 novembre a fine dicembre la mostra dei disegni originali per i film presso lo studiovivacomix di Pordenone a cura di Paola Bristot e Giovanna Durì con la produzione di una cartella a tiratura limitata. Tra i cortometraggi in programma quest’anno ci sarà il film di David Lynch “Fire” e sarà presentato il documentario “David Lynch. The Art Life” con le animazioni di Rino Stefano Tagliafierro.

Un videomapping sul tema del romanzo di Ivo Andric “Il Ponte sulla Drina” sarà coordinato dal professor Igor Imhoff con la partecipazione degli studenti dell’Accademia di Venezia e in collaborazione con "Le Giornate Animate", il Conservatorio di Trieste e la rassegna Avvistamenti di Bisceglie.
Tra i film in programma il lungometraggio “La strada dei Samouni” di Stefano Savona con le animazioni coordinate da Simone Massi e vincitore del Premio della Critica al festival di Cannes 2018.

Una nuova "avventura" per il festival passa quest'anno anche dagli schermi televisivi: grazie alla media partnership con NOOS.tv a novembre e dicembre andranno in onda gli "Incontri animati": l'emittente pordenonese, infatti, programmerà alcuni titoli di corti d'animazione e intervisterà gli autori Michele Bernardi, Elisa Talentino, Roberto Catani, Igor Imhoff.

La conclusione è attesa a Trieste il 29 dicembre al Cinema Teatro Miela con la consegna dei premi decisi da una giuria tecnica e da una giuria popolare. La giuria tecnica è composta da quattro personalità della cultura: l'attrice monfalconese Marta Cuscunà, il flautista pordenonese Massimo De MattiaRosalba Colla, direttrice di Animaphix e il regista sceneggiatore messicano Jair Alvarez.

Commenti (0)
Comment