Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Mostra e conferenze

Cultura e Spettacolo
02 ottobre 2018

Le radici della scienza a Trieste

di redazione (fonte Sissa Medialab)
Al via cinque appuntamenti per riscoprire lo sviluppo dell'attività scientifica nel capoluogo regionale
CONDIVIDI
26949
Cultura e Spettacolo
02 ottobre 2018 di redazione (fonte Sissa Medialab)

Quali sono le radici della scienza a Trieste? La mostra Trieste e la scienza prova a rispondere a questa domanda e lo fa anche attraverso un ciclo di cinque conferenze in programma per tutto il mese di ottobre. Alcuni esperti approfondiranno i temi proposti nella mostra e nel libro omonimo. Le conferenze saranno moderate dai curatori Davide Ludovisi e Federica Sgorbissa. Prima di ogni appuntamento, a partire dalle 16, i curatori saranno a disposizione per esplorare assieme al pubblico i contenuti della mostra, arricchendo la visita con informazioni e aneddoti sui personaggi e sui luoghi.

Si inizierà giovedì 4 ottobre alle 18 con Il pensiero scientifico ottocentesco a Trieste e la Società Minerva, un incontro con Rossella Fabiani, presidente della Società di Minerva. Fabiani evidenzierà soprattutto il ruolo del gabinetto scientifico-letterario fondato da Domenico Rossetti, che nell’Ottocento è stato fondamentale per la promozione della cultura e della ricerca scientifica in questa città.

Sabato 6 ottobre, alle 18, sarà invece la volta della scrittrice ed esperta di storia di psichiatria e psicoanalisi, Rita Corsa, che parlerà degli Albori della psichiatria a Trieste. Corsa, che è autrice di numerosi libri, alcuni dei quali dedicati a personaggi legati a Trieste (“Vanda Shrenger Weiss. La prima psicoanalista in Italia” e “Edoardo Weiss a Trieste con Freud”), ripercorrerà gli albori del manicomio triestino, soprattutto attraverso le figure di alcuni suoi notevoli medici (Weiss, De Pastrovich, Ravis, Canestrini, ecc.).

Ospite d’onore l’11 ottobre, alle 18, sarà il giornalista scientifico Fabio Pagan. Pagan racconterà, anche attraverso la sua esperienza diretta, la nascita del “Sistema Trieste” nella conferenza dal titolo Raccontare gli ultimi 50 anni di scienza a Trieste.

Trieste ha fatto la storia anche nel campo medico, sia attraverso le sue istituzioni ospedaliere sia attraverso la ricerca d'avanguardia portata avanti da veri e propri pionieri. Mauro Melato, esperto di storia della medicina, il 19 ottobre alle 18  farà scoprire questo tassello della Trieste scientifica con un incontro dal titolo La scienza medica a Trieste (una storia appassionata e travagliata).

Il ciclo di conferenze si chiude con un incontro, il 23 ottobre alle 18, dedicato a Massimiliano d’Asburgo. Non tutti sanno infatti che il fratello dell’Imperatore austriaco era anche un esperto di scienze naturali. Svelerà questa sua passione Andreina Contessa, direttore del Museo e Parco del Castello di Miramare, nell’incontro dal titolo Massimiliano d’Asburgo e l’inizio della scienza a Trieste.
 

La mostra
La mostra, a cura di Sissa Medialab progettata in collaborazione con Interfase, nasce dal libro omonimo edito da MGS Press, è interattiva e multimediale e si articola in due postazioni. Una grande “plancia”, digitale e analogica allo stesso tempo, all’interno dello spazio Trieste Città della Conoscenza (TCC) dove navigare in maniera interattiva attraverso le storie dei personaggi e degli istituti. L’exhibit fornisce informazioni biografiche, date, mappe e fotografie che rendono inoltre semplice cogliere a colpo d’occhio periodi e tendenze della ricerca scientifica nei vari periodi. La seconda postazione trasforma la vetrina dello spazio TCC letteralmente in un grande touch screen, dove partecipare a un quiz sulla scienza triestina 24 ore su 24(resterà infatti fruibile anche negli orari di chiusura dello spazio, aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18).

La mostra, disponibile in italiano e  inglese, è progettata per offrire un’esperienza completa e coinvolgente anche per le persone con disabilità visive, uditive e motorie. Mostra ed eventi collegati sono gratuiti e non richiedono prenotazione.

Commenti (0)
Comment