Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Guarda le foto on line

Cultura e Spettacolo
02 agosto 2018

Gorizia riscopre Carlo primo d'Asburgo

di Claudio Pizzin
Inaugurata la mostra dedicata all'imperatore austriaco. Visitabile fino al 16 agosto, espone oltre 200 pezzi fotografici e documentari
CONDIVIDI
26301
(ph. Claudio Pizzin)
Cultura e Spettacolo
02 agosto 2018 di Claudio Pizzin Image

Presentata nella "Sala Incontro" della parrocchia di San Rocco la mostra dedicata al beato Imperatore d'Austria Carlo primo d'Asburgo-Lorena.

«Una mostra unica e di grande valore storico e culturale», come l’ha definita la presidente del "Centro per le Tradizioni di Borgo San Rocco", Laura Madriz, nel discorso ufficiale di apertura. Curatore della mostra lo storico e archivista Vanni Feresin, direttore della rivista "Borc San Roc" e consigliere dello storico sodalizio di San Rocco, il quale ha voluto sottolineare il fatto che a Gorizia è la prima volta che si approfondisce la figura dell'Imperatore Carlo e se ne dà una lettura completa con oggetti e documenti di valore inestimabile, come la maschera funebre, il rosario, la divisa da ufficiale di artiglieria e il processo di beatificazione. La mostra conta su oltre 200 pezzi fotografici e documentari, con un notevole apparato descrittorio e iconografico proveniente da collezioni private di importati famiglie patrizie del Friuli e del triestino.

La mostra è stata resa possibile attraverso la collaborazione di diversi enti e fondazioni a partire dal Comune di Gorizia, Fondazione Coronini Cronberg, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Istituto di studi mitteleuropei, la biblioteca del Seminario Teologico Centrale di Gorizia, la Biblioteca Statale Isontina e il gruppo storico "Isonzo".

Il curatore ha voluto ringraziare pubblicamente il conte Marco Manin che è ha reso possibile la presenza di alcuni pezzi di valore inestimabile appartenenti alla famiglia imperiale.

La mostra rimarrà aperta fino al 16 agosto dalle 19 alle 23, ogni sera visita guidata a partire dalle ore 21. Per l'occasione saranno presenti due ragazzi dell'alternanza scuola lavoro che si occuperanno dell'accoglienza delle persone e delle guide.

Commenti (0)
Comment