Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dopo dieci anni di attesa

Cultura e Spettacolo
27 luglio 2018

Trieste, il Verdi torna ad assumere

di redazione (Teatro Verdi Trieste)
Approvate le assunzioni a tempo indeterminato per il Coro e nuovi concorsi banditi anche per l’Orchestra
CONDIVIDI
26215
(ph. F. Parenzan)
Cultura e Spettacolo
27 luglio 2018 di redazione (Teatro Verdi Trieste)

Miglioramento delle performance commerciali, rafforzamento della situazione patrimoniale, incremento del numero degli spettacoli: anche grazie a questi risultati – evidenziati nella Relazione 2017 del Commissario straordinario del Governo per le fondazioni lirico-sinfoniche – la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste può tornare ad assumere a tempo indeterminato. Dopo dieci anni e per la prima volta la Fondazione ha, infatti, bandito un concorso per tre artisti del coro da inserire a tempo indeterminato e, a breve, formalizzerà un secondo bando per l’assunzione di due professori d’Orchestra.

Un primo risultato, in linea con la scelta strategica – definita dalla Fondazione, nell’ambito del Piano di risanamento 2016-2018 presentato al Ministero a seguito della Legge “Bray” – di investire risorse nel personale, vero patrimonio del Teatro Lirico Giuseppe Verdi.

“Grazie a una gestione operativa più efficiente rispetto al passato – sottolinea il Sovrintendente, Stefano Pace, riferendosi alla Relazione commissariale – nel 2017 la Fondazione ha effettuato 157 ‘alzate’, di cui 11 realizzate fuori sede (rispetto alle 132 preventivate nel piano artistico), con un incremento degli spettatori del 25,7% rispetto alle stime. Tutto ciò, potendo contare mediamente su circa 240 dipendenti, senza esternalizzare alcun servizio, come invece fanno altre Fondazioni in Italia”.

Commenti (0)
Comment