Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Doppia operazione tra Villesse e il valico di Sant'Andrea

Attualità
19 giugno 2018

Gorizia, sequestrati 34 cuccioli importati illegalmente

di redazione (fonte Guardia di Finanza)
Trasportati illegalmente dall'Ungheria, sono stati assistiti dei veterinari del Polo Zooantropologico di Trieste. Due di loro non sono sopravvissuti
CONDIVIDI
25832
(ph. Guardia di Finanza)
Attualità
19 giugno 2018 di redazione (fonte Guardia di Finanza)

Viaggiavano nei bagagliai di due utilitarie, dopo numerose ore di viaggio, ammassati in un cassone di legno e scatole di cartone, in evidente stato di maltrattamento e paura perché costretti a condividere l’esiguo spazio senza luce, aerazione, possibilità di abbeverarsi e sfamarsi; erano inoltre privi di microchip per l'identificazione, delle necessarie certificazioni sanitarie e del passaporto individuale.

Sono stati trovati in queste condizioni 34 cuccioli di cane, tutti di età inferiore alle otto settimane, i quali sono stati sottoposti a sequestro da parte della Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia nel corso di due distinte operazioni di polizia giudiziaria che hanno permesso di individuare due autovetture sospette entrambe provenienti dall’Ungheria.

Nel primo caso il veicolo, con a bordo un uomo di 38 anni e una donna di 52 anni, di nazionalità ungherese e domiciliati in provincia di Rovigo, è stato fermato nei pressi del casello autostradale di Villesse, dove l’unità cinofila “Caboto”, addestrata al rinvenimento degli stupefacenti e del denaro contante, ha segnalato la presenza di cuccioli di cane, identificati poi in sette bouledogue francesi, tre maschi e quattro femmine, tutti dal mantello fulvo. Nel secondo caso, invece, il fermo è avvenuto a Gorizia, nei pressi del valico confinario di Sant’Andrea, dove è stata selezionata per il controllo un’autovettura guidata da un uomo di 33 anni trovato in compagnia di una donna di 42 anni, entrambi di nazionalità italiana, residenti a Napoli, ma domiciliati in provincia di Frosinone, con al seguito ventisette cuccioli: anche in questo caso sette bouledogue francesi (quattro maschi e tre femmine dai colori grigio argento, bianco e nero), tre jack russel terrier (due maschi e una femmina, bianchi e neri), tredici chihuahua (nove maschi e quattro femmine dai colori crema e bianco arancio) e infine quattro pincher maschi nero focati.

L’intervento dei medici veterinari del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria n. 2 “Bassa Friulana – Isontina” ha consentito di accertare la tenera età degli animali, precocemente distaccati dalle madri. I quattro soggetti coinvolti nel traffico internazionale di animali da compagnia sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Gorizia per maltrattamenti e introduzione illegale nel territorio nazionale di cuccioli di cane, i quali sarebbero stati commercializzati a scopo di lucro a un prezzo di alcune centinaia di euro ciascuno, fino a cinquecento euro in alcuni casi, dopo essere stati pagati poche decine di euro.

Grazie all’assistenza fornita dai medici veterinari del Polo Zooantropologico dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste, con sede a Prosecco, dove sono stati affidati sette cuccioli sequestrati, nonché del personale del canile di Udine, a cui sono stati invece consegnati i ventisette cuccioli, gli animali sono ora in buone condizioni (a eccezione di due chihuahua che non hanno resistito al precoce distacco dalla madre). 

Commenti (0)
Comment