Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Grazie alla collaborazione con Siram

Attualità
11 giugno 2018

Trieste, 250 studenti per il progetto "Scuola sostenibile"

di redazione (fonte Barcolana)
Nell’ambito della 50^ edizione della Barcolana, gli allievi dell’Istituto Volta progetteranno la scuola modello a impatto zero
CONDIVIDI
25779
Mitja Gialuz, presidente della Società Velica di Barcola e Grignano
Attualità
11 giugno 2018 di redazione (fonte Barcolana)

Il progetto nasce dalla volontà di Siram, official sponsor di Barcolana50, di coinvolgere gli studenti con formazione tecnica per avvicinarli al mondo del lavoro e renderli ideatori, attraverso un laboratorio di formazione, progettazione e sperimentazione, della “scuola modello” a impatto 0. I progetti, realizzati dai ragazzi, dovranno presentare elementi innovativi e all'avanguardia da un punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico, strutturale finalizzato a un nuovo concept di edificio sostenibile e a basso impatto energetico.

Gli studenti provenienti da differenti corsi di studio potranno mettere in pratica le competenze apprese durante il percorso scolastico, integrandole con le ore di formazione dedicate al progetto. L’obiettivo è quello di elaborare dei progetti attuali e concreti all’interno dell’ambiente scolastico, sempre più chiamato a rinnovarsi con nuove pratiche progettuali e seguendo le normative correnti, con massimo riguardo alla riqualificazione energetica e alla sostenibilità economica e ambientale degli edifici.

“La partnership tra Barcolana e Siram – ha dichiarato Paolo Maltese, direttore UdB NE Siram – mette in moto energie positive, e va oltre al supporto all’evento: vuole essere un motore di sviluppo per la città, creando valore aggiunto e aiutando a sensibilizzare i ragazzi come futuri cittadini consapevoli e propositivi. Abbiamo iniziato a lavorare ad aprile, condividendo con Barcolana il tema del rispetto delle risorse ambientali e sviluppando un progetto di sensibilizzazione e formazione rivolto alle nuove generazioni, con la volontà di arrivare puntuali a settembre, quando Barcolana entrerà nel vivo”.

Il concorso scolastico coinvolge oltre 250 ragazzi, attualmente del quarto e quinto anno dell’Istituto Tecnico Volta. Si tratta di 11 classi, cui il progetto è stato presentato in questi giorni: gli studenti dovranno lavorare dal 18 al 21 settembre prossimo sul progetto di “Scuola sostenibile”, supportati dai professionisti di Siram e dai loro insegnanti. I ragazzi dovranno applicare al meglio le misure incentivanti previste nel Conto Termico 2.0 (il decreto ministeriale che elenca una serie di misure tecniche che permettono di risparmiare energia e al contempo ottenere dei contributi) al loro edificio scolastico, realizzando dei concreti progetti volti a garantire alla scuola performance ed efficienza energetica.

Una commissione tecnica composta da Siram e dagli insegnanti valuterà i lavori delle 11 classi, mettendo in palio un bonus di 5.000 euro per l’acquisto di materiali e strumenti dedicati alla classe, e sei progetti di “alternanza scuola lavoro in azienda” dedicati agli studenti più meritevoli delle classi vincitrici. 

“Siamo entusiasti di questa partnership – ha dichiarato il presidente della Società velica di Barcola e Grignano, Mitja Gialuz – perché il nostro evento sempre più connette le aziende che ci sostengono al territorio. Un’attivazione della sponsorizzazione come questa ci rende orgogliosi, perché il supporto si estende alle scuole e agli studenti che potranno avvicinarsi a un’azienda importante per Trieste, e potranno esercitarsi su un progetto concreto, molto vicino al mondo del lavoro. Si tratta del primo tassello del Progetto Scuola della prossima edizione della Barcolana: ogni anno, grazie ai nostri partner, abbiamo la possibilità di garantire alle scuole sostegno economico, iniziative a vantaggio dei ragazzi e occasioni formative, e la cosa più bella per noi è vedere come la vela si trasforma in educazione per i giovani, valore ultimo dello sport”.

Commenti (0)
Comment