Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Operazione della Guardia di Finanza

Attualità
01 giugno 2018

Trieste, scoperta evasione milionaria

di redazione (fonte Guardia di Finanza)
Oltre due milioni e mezzo di iva non versati: arrestati tre imprenditori, sequestrati conti correnti bancari, immobili, un sito internet e un profilo Facebook
CONDIVIDI
25592
(ph. Sala stampa GdF)
Attualità
01 giugno 2018 di redazione (fonte Guardia di Finanza)

Il Gruppo della Guardia di Finanza di Trieste ha dato esecuzione a una serie di provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria triestina nei confronti di tre imprenditori operanti sull’intero territorio nazionale, compresa Trieste, che con la collaborazione e la compiacenza di diversi “prestanome” avevano creato delle società fittizie aventi quale unico scopo quello di emettere fatture false e di accentrare su di sé rilevanti debiti tributari mai versati al Fisco.

I tre soggetti avevano ideato uno schema societario che per oltre quattro anni ha permesso loro di non versare l’IVA allo Stato e di vendere prodotti informatici a prezzi molto competitivi in danno degli imprenditori onesti. In questo modo i promotori della frode, dal 2013 in poi, hanno spostato su soggetti nullatenenti e patrimonialmente inconsistenti le imposte da loro in realtà dovute, pari a oltre 2 milioni e mezzo di euro, potendo di conseguenza applicare ai consumatori finali dei prezzi di vendita molto vantaggiosi, alterando il funzionamento del mercato con vere e proprie forme di concorrenza sleale.

Il sistema di false fatturazioni è stato scoperto dai Finanzieri giuliani al termine di complesse indagini, dirette dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trieste, avviate in seguito a una verifica fiscale nei confronti di un’impresa dedita alla vendita, anche on-line, di materiale informatico. Le indagini si sono sviluppate in diverse regioni italiane dov’era radicata la struttura societaria creata ad hoc con i descritti fini illeciti. Attesa l’entità delle imposte evase e il rischio che la frode potesse cagionare ulteriori danni alle casse dello Stato, l’Autorità Giudiziaria triestina ha emesso tre provvedimenti di arresto (due dei quali in carcere) nei confronti dei principali responsabili, nonché disposto il sequestro di numerosi conti correnti bancari, di immobili e il sequestro del sito internet e del profilo facebook in uso agli arrestati per pubblicizzare e vendere sul web i propri prodotti.

Commenti (0)
Comment