Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dall’Università di Banja Luka

Società
28 maggio 2018

Dalla Bosnia a Udine per studiare nuovi modelli di business

di redazione (fonte Friuli Innovazione)
Visita a Friuli Innovazione per analizzare il modello di trasferimento tecnologico al territorio e di capacità di auto-sostenibilità
CONDIVIDI
25523
La delegazione bosniaca in visita a Friuli Innovazione
Società
28 maggio 2018 di redazione (fonte Friuli Innovazione)

Il modello di auto-sostenibilità del Centro di Ricerca e Trasferimento Tecnologico Friuli Innovazione si fa notare anche all’estero, dove viene preso ad esempio di unicità virtuosa di una struttura che non ha scopo di lucro e si autofinanzia principalmente procurandosi contributi attraverso schemi competitivi europei, nazionali o regionali, ai quali partecipa presentando progetti di ricerca e innovazione mettendo poi a disposizione del territorio – principalmente PMI – servizi, esperienze e competenze.

Proprio per studiare questo modello vincente di business è arrivata a Friuli Innovazione dalla Bosnia Herzegovina una delegazione dell’Università di Banja Luka guidata Andjela Pepic, responsabile dell’area Trasferimento Tecnologico e membro del COST – European Cooperation in the field of Scientific and Technical Research – ente finalizzato allo scambio di informazioni pratiche sugli aspetti amministrativi, finanziari e giuridici della gestione dei progetti di ricerca e innovazione.

Accolti dal direttore di Friuli Innovazione Fabio Feruglio e dal project manager Saverio D’Eredità, Andjela Pepic e il suo staff hanno avuto modo di confrontarsi sui temi dei progetti europei, sulle attività di trasferimento tecnologico, sui servizi di consulenza alle imprese e sulle azioni che Friuli Innovazione svolge a favore del territorio.

Con un modello di funzionamento che rimane un unicum nel panorama dei parchi scientifici regionali e nazionali, Friuli Innovazione svolge infatti numerose attività finalizzate a rafforzare la competitività della regione: dalla gestione del parco scientifico e tecnologico di Udine, che conta circa 40 realtà insediate, alla gestione dell’incubatore certificato d’impresa, che ha supportato la nascita di una sessantina di startup e creato più di 200 posti di lavoro.

Ci sono molte complementarietà che possono essere ricercate tra i rispettivi territori – ha dichiarato Pepicsoprattutto in settori come la meccanica, nei quali sono molte le opportunità di cooperazione con imprese e poli dell’innovazione e ci piacerebbe approfondirle. Banja Luka è stata per diversi anni un’eccellenza per l’ingegneria meccanica e oggi molte imprese, soprattutto austriache e tedesche, ma anche italiane, si stanno interessando al nostro territorio. Dal punto di vista dell’accesso ai finanziamenti europei l’esperienza maturata da Friuli Innovazione è di grandissima rilevanza e rappresenta un esempio di sostenibilità e qualità. In questo senso per noi sarebbe estremamente importante poter lavorare allo sviluppo di progetti comuni, soprattutto per la nascita e crescita di nuove imprese”.

Commenti (0)
Comment