Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Siglata nuova convenzione

Cultura e Spettacolo
10 maggio 2018

Un ponte di musica tra Trieste e Pechino

di redazione (fonte Conservatorio Tartini)
Il presidente del Conservatorio della capitale cinese in visita al Tartini. Al via una sorta di erasmus asiatico
CONDIVIDI
25228
Wang Liguang e Lorenzo Capaldo firmano l'accordo
Cultura e Spettacolo
10 maggio 2018 di redazione (fonte Conservatorio Tartini)

Progettare una piattaforma mondiale della musica: dalla formazione e dalla pedagogia alla ricerca e composizione, sino alla condivisione produttiva delle risorse. È la visione della musica come “ambasciatrice di armonia e pace nel mondo”, ovvero il presupposto fondante della Global Music Education League avviata nel settembre 2017 a Pechino con la partecipazione di trenta istituzioni di Alta Formazione Musicale del mondo. A rappresentare l’Italia, in quel contesto, era stato il Conservatorio Tartini di Trieste, guidato dal presidente Lorenzo Capaldo

Sei mesi dopo è il Presidente del Conservatorio di Pechino Wang Liguang, curatore responsabile della Chinese Music Encyclopedia, a ricambiare la visita con il viaggio che ha portato a Trieste una delegazione cinese chiamata a siglare il secondo step della convenzione che unisce le due istituzioni di alta formazione musicale.

«L’accordo Trieste-Pechino – spiega il presidente Capaldo – sarà uno strumento utile a concretizzare sinergie e scambi sul piano della formazione e didattica musicale, ma anche delle relazioni culturali fra Trieste e la Cina. I nostri insegnanti e studenti avranno modo di frequentare per un periodo il Conservatorio di Pechino, e il Conservatorio Tartini accoglierà a Trieste una rappresentanza di docenti e studenti cinesi».

Una sorta di piccolo Erasmus eurasiatico. La convenzione si prospetta inoltre come il primo passo per arrivare a un sistema di automatica reciprocità nel riconoscimento dei titoli di studio musicali nel mondo: una prospettiva che permetterebbe di puntare a una sorta di “formazione globale”, senza frontiere per chi abbia maturato i suoi studi e le sue esperienze all’una o all’altra latitudine del mondo.

Nella giornata di oggi i due Presidenti, dopo aver siglato la convenzione, hanno preso parte nell’Aula Magna del Conservatorio Tartini al convegno dedicato a “Nuovi progetti di cooperazione culturale sulla via della Seta”. Il presidente del Conservatorio Tartini Lorenzo Capaldo ha portato la sua riflessione in merito alla “Musica nella comunità globale: le nuove prospettive della Global League per la formazione musicale”.  Info www.conservatorio.trieste.it 

Commenti (0)
Comment