Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Situata in Contrada Contarini

Attualità
02 maggio 2018

Palmanova, inaugurata la sede dell'associazione "Palma"

di redazione (fonte Comune di Palmanova)
Il presidente del sodalizio Mohammed Zehni: "Sarà luogo di formazione, di preghiera e di supporto nello svolgimento degli adempimenti burocratici richiesti ai cittadini stranieri"
CONDIVIDI
25057
(ph. Comune Palmanova)
Attualità
02 maggio 2018 di redazione (fonte Comune di Palmanova)

L’Associazione di Promozione Sociale Palma – impegnata nella promozione dell’integrazione e nell’aiuto alle persone straniere e ai nuovi italiani – ha inaugurato ufficialmente la sua sede di Contrada Contarini.

“Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato, materialmente o moralmente, all’inizio di questa nuova era di collaborazione tra cittadini italiani e stranieri, alla nascita di un luogo dove favorire la corretta integrazione, quella fatta di reciproca conoscenza e collaborazione. Questa associazione sarà un luogo di formazione, di preghiera (solo in orari prefissati) e di supporto nello svolgimento di tutti gli adempimenti burocratici richiesti ai cittadini stranieri”, ha dichiarato il presidente del sodalizio Mohammed Zehni

“Conoscersi – ha aggiunto il sindaco di Palmanova Francesco Martines – aiuta a capire e ad affrontare ogni situazione. Siamo convinti che capire le necessità di tutti i cittadini possa aiutare l’amministrazione comunale a svolgere la propria attività in maniera responsabile e coerente. A tutti i membri dell’associazione e a tutti coloro che animeranno questa sede, chiedo di interagire con la comunità di Palmanova nello svolgere attività che permettano di conoscersi, partecipando alla vita sociale del comune. Se mettiamo a confronto i diversi modi di vivere, sarà un arricchimento per tutta la popolazione”.

Durante la presentazione ha espresso la sua vicinanza anche il parroco don Angelo Del Zotto: “Dobbiamo vincere la paura e superare il pregiudizio. Dalla reciproca conoscenza può nascere stima, collaborazione e aiuto. Se non ci conosciamo, nascono paure e barricate. Dobbiamo superare la mentalità che vede Dio ostacolo alla pace. Nessun Dio vuole questo. Le religioni devono incontrarsi e conoscersi”.

“La conoscenza e la reciproca volontà di aiuto ha portato alla nascita di questa realtà. Si percepisce un clima favorevole alla convivenza tra culture diverse. Le società più giuste, quelle che creano momenti di integrazione, sono anche le più pacifiche”, ha concluso l’assessore comunale alle politiche sociali Giuseppe Tellini.

Commenti (0)
Comment