Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentato alla stampa

Attualità
24 aprile 2018

Trieste, progetto sanitario sperimentale di monitoraggio telefonico

di redazione (fonte ASUITs)
Nuova modalità di continuità assistenziale rivolta alle persone con più di 65 anni o con caratteristiche di fragilità non prese incarico dai servizi distrettuali
CONDIVIDI
25009
(ph. ASUITs)
Attualità
24 aprile 2018 di redazione (fonte ASUITs)

È stato presentato oggi, in un incontro aperto alla stampa, il progetto di attivazione sperimentale del servizio di Follow Up (FU) post dimissione per le persone non prese incarico dai servizi distrettuali.

Il progetto, avviato dall’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste in collaborazione con Televita SpA, è rivolto alle persone con più di 65 anni (o di età inferiore se presentano caratteristiche di fragilità) dimesse da una struttura di medicina ospedaliera, da una Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) o dal Pronto Intervento Domiciliare (PID) senza un progetto di presa in carico da parte del Distretto e ha l’obiettivo di offrire una nuova modalità di continuità assistenziale, un contatto tra persone dimesse e Servizi.

Sono intervenuti Flavio Paoletti, direttore dei Servizi Sociosanitari ASUITs, Deborah Voliani, Televita SpA, Ramiro Mendoza, Televita SpA, Giuliana Pitacco, Direzione Servizi Sociosanitari ASUITs, Arianna Meriggi, Direzione Infermieristica ASUITs.

L’attuale collaborazione con Televita SpA mira a realizzare questo progetto con le finalità di rilevare precocemente eventuali situazioni potenzialmente a rischio e raccogliere informazioni sulle condizioni delle persone dimesse che potrebbero in futuro risultare utili per orientare l‘offerta di servizi.

“Il FU telefonico – hanno dichiarato gli intervenuti – rappresenta, quindi, l’offerta di una nuova e diversa modalità di presa in carico, che potrebbe essere definita “leggera”, ovvero il mantenimento di un “contatto” tra persone dimesse e servizi, in una logica di proattività sociosanitaria”.

Il progetto prevede tre contatti telefonici: il primo subito dopo la dimissione, gli altri due a distanza di un mese e tre mesi.

Al momento della dimissione il Reparto compila una scheda che viene inviata al Distretto, il quale completa la valutazione e invia immediatamente la scheda agli operatori di Televita Spa.

Dopo 6 mesi viene effettuata la valutazione finale e i dati raccolti consentono una eventuale rimodulazione dei servizi della continuità assistenziale di ASUITs.

Il servizio, attivo dal 2 aprile, è a costo zero in quanto si avvale del personale già operante nelle Medicine e nei Distretti e dell’appalto già in essere con Televita SpA che è stato rimodulato mantenendo i costi invariati.

Commenti (0)
Comment