Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto Autismo

Attualità
29 marzo 2018

Anche le persone con disabilità intellettiva diventano adulte

di redazione (fonte Cooperativa sociale Itaca)
Attiva a Pordenone una “palestra” che valorizza le individualità delle persone promuovendone la dignità attraverso una visione nuova
CONDIVIDI
24688
Attualità
29 marzo 2018 di redazione (fonte Cooperativa sociale Itaca)

Da due anni Azienda sanitaria n. 5 Friuli Occidentale e Cooperativa sociale Itaca sono impegnate in via Canaletto a Pordenone con il Progetto Autismo, una “palestra” che valorizza le individualità delle persone promuovendone la dignità attraverso una visione diversa della disabilità intellettiva.

Nato da una co-progettazione tra Aas5 e Itaca, il Progetto Autismo favorisce l’autodeterminazione della persona con disabilità per metterla nelle condizioni di poter fare delle scelte per la propria vita e costruire una prospettiva verso un’autonomia possibile, laddove ciò sia realizzabile. Attualmente, il Progetto Autismo si articola in un modulo autismo rivolto a tre giovani adulti e in un Centro diurno che coinvolge dieci persone con disabilità intellettiva e fisica importante.

Grazie alla messa in comune di competenze e professionalità, Aas5 e Itaca hanno costruito un progetto dedicato ad accompagnare il passaggio dall’età giovanile a quella adulta di un gruppo di persone con disabilità intellettiva e disturbi dello spettro autistico, utilizzando non solo un approccio psicoeducativo ma soprattutto mettendo in rete servizi a carattere semiresidenziale ed educativo.

Oggi il Progetto Autismo di via Canaletto si articola in due progettualità interconnesse: il modulo autismo, ospitato al secondo piano e rivolto a tre giovani adulti caratterizzati da “comportamenti-problema” importanti, affiancati da altrettanti operatori in rapporto 1:1; il Centro diurno, che trova spazio al primo piano e si rivolge a dieci persone con disabilità intellettiva e fisica importante, seguite da un gruppo di lavoro composto da sei operatori, di cui un’educatrice e cinque Oss.

Costruire reti reali e consolidare quelle già attivate è uno degli obiettivi di via Canaletto che, attraverso il progetto Genius Loci, ha aperto le prime relazioni con l’universo dell’associazionismo del quartiere di Borgomeduna.

Ci sono le agenzie educative e una prima collaborazione sta partendo con la scuola primaria De Amicis di via Udine, facente parte dell’Istituto comprensivo Pordenone Sud, per la riorganizzazione della Biblioteca di quartiere. Una convenzione è già stata sottoscritta tra Itaca, Genius Loci e Istituto Pordenone Sud all’interno del progetto delle “Biblioteche scolastiche innovative”.

Commenti (0)
Comment