Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

"La Scuola di Cinema senza sedie"

Cultura e Spettacolo
20 marzo 2018

Da Trieste ad Aquileia, il cinema in movimento del FVG

di redazione (fonte Associazione Culturale Mattador)
Dal sentiero Rilke a Grado, l'esperienza di due giovani film-maker: 70 km a piedi da riassumere in un cortometraggio
CONDIVIDI
24537
Cultura e Spettacolo
20 marzo 2018 di redazione (fonte Associazione Culturale Mattador)

Finanziata dalla Regione Friuli Venezia Giulia, "La Scuola di Cinema senza sedie" promossa dalle associazioni Mattador di Trieste e Visionaria di Siena ha portato le due giovani film-maker vincitrici della prima edizione del concorso Visioni in Movimento FVG, Ludovica Mantovan e Isabella Aquino, lungo le antiche vie che collegano Trieste e Aquileia attraverso il Sentiero Rilke fino al paese rurale di Medeazza, attraverso il Parco tematico sulla Grande Guerra fino alla Riserva Naturale dell’Isola della Cona, per raggiungere la città di Grado e concludere ad Aquileia per un totale di 70 km. Preziosi in questo senso la collaborazione con l'ente PromoTurismo FVG, anche con la partecipazione dei Social Ambassador, e il supporto di Montura, marchio specializzato in abbigliamento sportivo.

Nel gruppo in cammino i registi Matteo Oleotto e Alessandro Rossetto, i compositori Stefano Schiraldi e Simone Biasiol, il location manager Gianluca Novel, lo scenografo Andrea Gregoretti, con la coordinazione di Giulio Kirchmayr Pietro Caenazzo di Mattador e Giuseppe Gori Savellini di Visionaria e la direzione dello stesso Oleotto. 

Ora Ludovica e Isabella si dedicheranno alla produzione dei loro film, i quali dovranno avere una durata inferiore a 15'. Le riprese verranno effettuate sullo stesso cammino già affrontato in precedenza e con l’ausilio di due troupe leggere e senza il supporto di veicoli di trasporto. 

Il 26 aprile i due lavori saranno infine proiettati al Teatro Miela di Trieste.

Intanto sono aperti i bandi per le quattro sezioni del Premio Mattador: i lavori devono essere inviati entro ‪il 15 aprile . Non è prevista alcuna quota d'iscrizione. Tutte le informazioni sul sito http://www.premiomattador.it.

Commenti (0)
Comment