Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dall'11 al 24 marzo

Cultura e Spettacolo
07 marzo 2018

In arrivo a Trieste e Duino poeti da tutto il mondo

di redazione (fonte Ufficio stampa Giulia Basso)
Quattordici giorni di incontri letterari, spettacoli teatrali e musicali per la Festa della Letteratura e della Poesia. Una finestra sulle culture dell'intero pianeta
CONDIVIDI
24361
Il Castello di Duino
Cultura e Spettacolo
07 marzo 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Giulia Basso)

Duino e Trieste ospiteranno nuovamente la Festa della Letteratura e della Poesia. Un omaggio alle lingue e alle culture del mondo in un territorio il cui patrimonio di conoscenze letterarie, artistiche e scientifiche è il risultato di contaminazioni multiculturali che affondano le proprie radici nella storia di questi luoghi.

L’edizione 2018 sarà molto ricca, con quattordici giorni di incontri letterari, spettacoli teatrali e musicali, workshop, mostre e flash mob poetici dislocati nei diversi luoghi cittadini in cui si fa cultura: dai caffè letterari ai musei, fino al Castello di Duino, celebrato da Rilke nelle sue “Elegie Duinesi”.

La manifestazione in calendario dall’11 al 24 marzo, passando per il 21, Festa Mondiale della Poesia, ruoterà intorno al tema “Casa/Home”. Su questo tema - la casa, intesa come luogo fisico o metaforico da cui si parte e a cui si ritorna, il proprio paese, la “patria”, ma anche un rifugio dell’anima, insieme di memorie, consuetudini, affetti - si sono cimentati un migliaio di giovani poeti provenienti da 57 diversi Paesi che quest’anno hanno partecipato al XIV Concorso Internazionale di Poesia e Teatro Castello di Duino, considerato già nel 2009 dalla Commissione Nazionale UNESCO che lo ha da sempre patrocinato la più importante competizione letteraria internazionale riservata ai giovani.

L’ormai storico Concorso è l’unico al mondo a valutare tutti i testi in lingua originale, con una giuria internazionale che conosce lingue e culture dei Paesi da cui provengono i giovani autori così che nessuna lingua e nessun paese risultino infine penalizzati.

La premiazione delle varie sezioni sarà il momento culminante attorno al quale si snoderanno i diversi eventi in calendario: l’inaugurazione di una mostra fotografica dedicata al tema “Casa” commentata con i versi degli autori, Letture da un premio Nobel (quest’anno “La Grazia sospesa delle umane solitudini in Kazuo Ishiguro”), un omaggio musicale a Rainer Maria Rilke, che “abitò” con la sua poesia il Castello di Duino e un appuntamento dedicato alla sua “poesia dello spaesamento”. La poesia sarà protagonista nelle piazze e per le strade, con l’UNESCO Flash Mob del 21 marzo, un reading di Luigia Sorrentino e altre iniziative. Ampio spazio sarà dedicato al linguaggio teatrale, sia con la rappresentazione delle pièces vincitrici, sia con una serie di “interviste sul teatro”, la prima delle quali sarà dedicata a Renzo Stefano Crivelli, scrittore di teatro e fra i maggiori studiosi di James Joyce. Fra gli invitati Guido Chiarotti, Giuseppe Manfridi, Marko Sosic, Claudio Grisancich e Isabel Russinova, della quale, in coerenza con il tema “Casa /Home” si proietterà il docufilm “Il popolo di Re Heruka”, dedicato alla storia del popolo rom. Anche il workshop annuale di traduzione e comparazione linguistica “s-Tradurre” si svolgerà su “Poetica della Casa: fra traduzione e comparazione linguistica”. La manifestazione sconfinerà in Slovenia, con un appuntamento a Capodistria dedicato alle letterature di frontiera e agli esodi. Il calendario lascerà anche spazio per la conoscenza della città e del suo territorio, cultura complessa della parola e dell’incanto.

La Festa e il Concorso sono organizzati dall’Associazione Poesia e Solidarietà, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Trieste e con il Centro Internazionale di Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile (iSDC). Sono realizzati grazie ai contributi di Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Kathleen Foreman Casali, Banca Popolare di Cividale, Duemilauno Agenzia Sociale, il supporto di enti pubblici e privati e molte donazioni private. Godono del patrocinio della Commissione Nazionale Unesco, del Ministero degli Affari Esteri, dell’Università di Trieste

Commenti (0)
Comment