Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentato il Future Forum 2018

Società
21 febbraio 2018

Il FVG rilancia le economie della bellezza

di redazione (fonte Ufficio stampa Future Forum)
Focus sulla valorizzazione innovativa dei Siti Unesco. Edizione itinerante tra Udine, Cividale, Palmanova, Forni di Sopra e Tolmezzo
CONDIVIDI
24118
(ph. Ufficio stampa Future Forum)
Società
21 febbraio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Future Forum)

Future Forum, l’iniziativa sul futuro della Camera di Commercio di Udine, è pronto a partire, tra il 9 marzo e il 13 aprile, con la sua quinta edizione. Oltre a Udine, la manifestazione – con conversazioni, interviste, workshop e conferenze –, sarà itinerante e raggiungerà in varie tappe i siti Patrimonio Unesco della regione: Aquileia, Palmanova, Cividale del Friuli, Forni di Sopra e tappa a Tolmezzo, perché il tema che affronterà questa volta è legato alle “Economie della bellezza”, avviando una riflessione con ospiti locali e internazionali su come valorizzare in modo innovativo e proiettato al futuro le nostre preziose vestigia come volano per lo sviluppo dell’intero territorio.

Gli incontri si concentreranno sulla gestione e la promozione dei beni culturali, sul turismo e i nuovi modelli di comunicazione dei territori, sulle industrie creative, sul rapporto tra tutela e sviluppo locale, tra salvaguardia e nuovi modelli di valorizzazione e promozione del patrimonio archeologico, architettonico, storico e naturalistico.

L’evento è organizzato dalla Camera di Commercio di Udine insieme alla Regione, all’Università di Udine e ai Comuni di Udine, Aquileia, Cividale, Forni di Sopra, Palmanova e Tolmezzo; nonché in collaborazione con Mibact e Miur e con il Festival della Politica di Mestre, Mecenate90, Fondazione Aquileia, Innovalp e Associazione Nova Ludica.

Future Forum 2018 ha già ottenuto il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, e dunque potrà usare il marchio, come iniziativa inserita nell’ambito degli eventi per l’Anno europeo del Patrimonio culturale.

«Future Forum 2018 vuole esplicitare il valore e le potenzialità economiche, turistico-culturali e produttive connesse alla presenza di siti Unesco sul territorio – spiega il presidente della Camera di Commercio Giovanni Da Pozzo –, anche in linea con una delle nuove competenze che le Cciaa hanno ottenuto a seguito della recente riforma, ossia proprio la promozione della cultura e del turismo, in cui la Camera di Udine è stata sempre molto attiva, giocando d’anticipo. Siamo partner da anni, per esempio, del progetto nazionale Mirabilia, una rete eccezionale che collega tutte le Cciaa sui cui territori, in Italia, vi sono Siti Unesco cosiddetti “meno noti”: un network che si occupa proprio di promuovere in modo sinergico queste realtà, organizzando incontri anche internazionali per le imprese e operatori di questi luoghi e in particolare per quelli che operano nei settori considerati, per dimostrare come questi Siti possano creare ricchezza e sviluppo straordinari, volano per l’intera economia».

Con questo il Future Forum 18, dunque, «vorremmo offrire a interlocutori pubblici e privati – aggiunge il project manager Renato Quaglia – informazioni, strumenti di analisi, casi ed esempi cui far riferimento, in una prospettiva di sviluppo futuro, come nelle premesse proprie del Future Forum».

Cividale del Friuli, che l’Unesco ha scelto con il titolo: “Cividale del Friuli, i luoghi del potere”, Future Forum indaga nelle dimensioni contemporanee in cui si manifestano il potere e l’economia. (con la collaborazione del Festival della Politica di Mestre organizzato dalla Fondazione Gianni Pellicani)

Ad Aquileia, si rifletterà con studiosi ed esperti sui casi di scuola di Pompei ed Ercolano e la gestione dei siti archeologici e su come le città d’arte crescono intorno al patrimonio storico-monumentale (con la collaborazione della Fondazione Aquileia)

A Palmanova si approfondiranno le ragioni e i vantaggi del lavoro collaborativo e in rete, in ogni settore dell’economia e delle attività, oltre che per i siti UNESCO.

Si presenteranno le prospettive internazionali nell’uso delle nuove tecnologie per visitare siti e musei. Palmanova sarà anche sede di un workshop sull’illustrazione e il fumetto, con un Maestro internazionale che, con giovani illustratori e disegnatori italiani, reinterpreterà la Città Fortezza mai attaccata (con la collaborazione dell’Associazione Nova Ludica)

Forni di Sopra (e a Tolmezzo) alcuni dei migliori esperti e protagonisti delle politiche pubbliche europee e nazionali sulla gestione e valorizzazione economica del paesaggio, presenteranno casi e buone pratiche di uso sostenibile e consapevole del patrimonio naturalistico (con la collaborazione di Mecenate90 e la partecipazione di Innovalp)

Ma si partirà da Udine, dove si incontreranno, a iniziare il programma del Forum, i principali responsabili delle politiche nazionali e regionali a favore del Turismo e dei Beni e del Patrimonio culturale, sulle prospettive di sviluppo nella gestione di questa nuova economia, come anche nei modelli allestitivi e contenutistici che ne aumentino i gradi di accessibilità per tutti i cittadini.

Sempre nel capoluogo, si terrà l’incontro sulle nuove professioni che l’economia della cultura e del patrimonio sta richiedendo. (con la collaborazione dei Civici Musei di Udine).

A tutti gli eventi sarà necessaria la prenotazione tramite friulifutureforum@ud.camcom.it o il telefono 0432 273537. Il programma sarà costantemente aggiornato su www.friulifutureforum.com, dove si potranno anche seguire i reportage dagli eventi e interviste agli ospiti di ciascun appuntamento in programma a cura di un team di giornalisti di Udine Economia, il mensile della Camera di Commercio di Udine.

Commenti (0)
Comment