Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Approvato il bilancio

Attualità
13 febbraio 2018

CrediFriuli, il 2017 si chiude con 6,2 milioni di utile

di Adriano Del Fabro (ufficio stampa)
La raccolta globale è pari a 1.260 milioni di euro, gli impieghi superano i 770 milioni di euro. Crescono anche il patrimonio, i soci e i conti correnti
CONDIVIDI
23862
La sede di CrediFriuli (ph. CrediFriuli)
Attualità
13 febbraio 2018 di Adriano Del Fabro (ufficio stampa)

Approvato dal Consiglio di Amministrazione di CrediFriuli il bilancio 2017, che registra un utile superiore ai 6,2 milioni di euro.

«Il 2017 di CrediFriuli è stato positivo per tanti aspetti a cominciare dai conti – evidenzia il presidente della banca, Luciano Sartoretti – con i quali ci presentiamo, alla vigilia di un passaggio fondamentale, quello dell’integrazione nel Gruppo Bancario Iccrea (la prima banca locale del Paese), permettendoci di continuare a fare ancora meglio quello che abbiamo sempre fatto: soddisfare i bisogni finanziari, assicurativi e previdenziali dei nostri soci e svolgere un ruolo  di riferimento economico-finanziario e mutualistico-sociale sul territorio friulano».

Una vocazione, quella mutualistica, testimoniata dalla crescita vissuta dalla compagine sociale che, a fine 2017, ha raggiunto i 9.035 soci (con un incremento che ha superato il 55%, nell’ultimo quinquennio) e dal costante sostegno dedicato alle comunità locali, con oltre 450.000 euro destinati, nell’anno, a favore di parrocchie, enti e associazioni di varia estrazione.

«Continuiamo a ricevere risposte molto confortanti, da imprese e risparmiatori, che testimoniano l’apprezzamento per la risorsa principale della banca rappresentata dai suoi 170 collaboratori – spiega il direttore generale, Gilberto Noacco – e che ci hanno portato a un numero di conti correnti superiore alle 29.300 unità, con 1.500 nuovi clienti solamente nell’ultimo anno».

«La strategia della banca è quella vincente degli ultimi anni – sottolinea ancora Sartoretti – che ci ha portato al raggiungimento di un’elevata copertura del credito deteriorato e al rafforzamento del patrimonio, che sfiora oggi  i 127 milioni di euro, a testimonianza del fatto che siamo una banca solida e sana, che si  colloca ai più alti livelli su scala nazionale per la misura degli accantonamenti sui crediti deteriorati (58,72%), come di assoluta garanzia è il valore registrato dal CET1, che ha raggiunto il 19,83%».

Il bilancio evidenzia anche una raccolta globale salita a quota 1.260 milioni di euro, grazie all’incremento della raccolta diretta, che ha superato gli 822 milioni di euro (+7,13%), e a quello conseguito dalla raccolta indiretta (+7%), dove, precisa Noacco, «si registra una notevole crescita del risparmio gestito, dovuta, tra le altre, allo straordinario +17% realizzato dai Fondi Comuni di Investimento e dal crescente interesse della clientela nei confronti della previdenza integrativa (+25% dei Fondi pensioni sottoscritti)».

Segno più anche davanti alla cifra delle masse amministrate che superano i 2 miliardi di euro (+8%) con gli impieghi alla clientela che salgono a 770 milioni di euro (+9,5%), grazie al +22,35% registrato dai finanziamenti al consumatore, nonché a un considerevole incremento dei finanziamenti rivolti alle Pmi, destinati prevalentemente a sostenere progetti e iniziative dei settori che stanno vivendo un’interessante crescita di mercato (settore agricolo, turistico, energetico e delle start up), con un notevole riflesso pure in termini di creazione di nuovi posti di lavoro, necessari per garantire un solido futuro al territorio e alle famiglie che vi abitano.

Commenti (0)
Comment