Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Ufficializzati i dati 2017

Turismo
19 gennaio 2018

Cividale, record di visite al Tempietto Longobardo

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Cividale)
Sfiorate le 50 mila presenze, In aumento anche i pacchetti con Museo Archeologico e Museo del Duomo. Incremento di turisti da Svizzera, USA, Russia e Australia
CONDIVIDI
23264
Dettaglio del Tempietto Longobardo (ph. Giuseppe Burello)
Turismo
19 gennaio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Cividale)

Anche nel 2017 il Tempietto Longobardo di Cividale del Friuli si è riconfermato una delle mete turistiche più apprezzate del Friuli Venezia Giulia.

I turisti che hanno acquistato il biglietto sono stati infatti in tutto 46.603; a questi devono essere aggiunte 1.628 gratuità concesse a bambini di età inferiore a otto anni, giornalisti, insegnanti, autorità, oltre a 1.279 possessori di FVGcard che hanno scelto il Tempietto come meta del loro tour regionale, per un totale annuo di 49.509 visitatori.

Anche superiore all'anno-boom del 2014 (che aveva fatto registrare un afflusso di 46.060 visitatori con biglietto), i dati del 2017 sono in aumento di 3.360 paganti rispetto al 2016 (quando il totale era di 43.243) “dimostrando come il piccolo tesoro della nostra città – dichiara la vicesindaco Daniela Bernardi – venga sempre maggiormente visitato e apprezzato”.

Al Tempietto Longobardo si può accedere sia con un biglietto “ad hoc” valido solo per il Monastero di Santa Maria in Valle che lo ospita, sia tramite un’offerta turistica che permette l’ingresso anche al Museo Archeologico Nazionale e al Museo Cristiano e Tesoro del Duomo. “Siamo particolarmente soddisfatti nel registrare un aumento nella vendita dei biglietti cumulativi ai tre musei – continua Bernardi – tant’è che presso il Monastero ne sono stati staccati 7.220, 1.065 in più rispetto all’anno precedente”. 

Il mese che nel 2017 ha registrato un maggiore afflusso di paganti al Tempietto Longobardo è stato aprile con 4.925 presenze, seguito a ruota da maggio e agosto; ottimi periodi anche settembre e ottobre; da evidenziare il mese di novembre che, nonostante sia generalmente il mese meno entusiasmante dal punto di vista statistico, ha quest’anno registrato un incremento di ingressi di più del 70% con 1.657 visitatori.

Le provenienze dei turisti sono rimaste molto variegate: la maggior parte proviene dalle regioni vicine; dall’estero, oltre agli affezionati turisti da Austria, Slovenia e Germania, nel 2017 si è riscontrato un incremento di presenze da Svizzera, USA, Russia e Australia.

 

Oratorio di Santa Maria in Valle

L’Oratorio di Santa Maria in Valle, conosciuto anche come Tempietto Longobardo, è collocato all’interno del Monastero di Santa Maria in Valle e fa parte di un percorso culturale che attraversa le vie cittadine, caratterizzato da storia, fascino e suggestione. È stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco nel giugno del 2011. Le sue incerte origini e destinazione ne accrescono l’interesse. Si pensa fosse la cappella di un monastero benedettino femminile. Stucchi e affreschi rispecchiano fedelmente il passato dell’oratorio e una visita permette di cogliere l’atmosfera misteriosa e raccolta dell’edificio, dedicato alla meditazione e alla preghiera.

 

Gli orari

Aperto sette giorni su sette. Orario invernale: da lunedì a venerdì 10-13 e 14-17, sabato e festivi 10-17; orario estivo (1 aprile-30 settembre) da lunedì a venerdì 10-13 e 15-18, sabato e festivi 10-18.

Commenti (0)
Comment