Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

In Veneto ed Emilia Romagna

Attualità
10 gennaio 2018

La friulana Sereni Orizzonti inaugura due nuove RSA

di redazione (fonte Ufficio stampa Sereni Orizzonti)
Fatturato in aumento del 25%. Si punta a raggiungere i 7.000 posti letto per persone non autosufficienti in tutta Italia entro il 2020
CONDIVIDI
23066
La nuova struttura di Torre di Mosto
Attualità
10 gennaio 2018 di redazione (fonte Ufficio stampa Sereni Orizzonti)

Dopo il recente taglio del nastro a Pasian di Prato, il Gruppo Sereni Orizzonti inaugura due nuove RSA a Torre di Mosto (VE) e a Piacenza. Rispettivamente 90 posti letto per non autosufficienti la prima e 80 la seconda. Due realizzazioni a cui si somma l’imminente conclusione dei lavori a San Mauro Torinese, una RSA da 120 posti letto alle porte del capoluogo piemontese, e di 90 posti letto realizzati a Fiesco, in provincia di Cremona. La conclusione dei lavori è prevista per febbraio.

L’azienda friulana, soprattutto attraverso le partecipate Sereni Orizzonti e Lifecare, ha in corso investimenti nel triennio per 150 milioni di euro. Sul territorio nazionale attualmente Sereni Orizzonti conta 4.500 posti letto e 2.500 lavoratori. “Puntiamo a raggiungere i 7.000 posti letto entro il 2020”, spiega l’azionista di maggioranza Massimo Blasoni. Un risultato plausibile alla luce della crescita degli ultimi anni. I dati del 2017 indicano un fatturato di gruppo da oltre 120 milioni e utili netti approssimativamente pari a 10 milioni. Una crescita rispetto al 2016 del 25%. “Lo sviluppo in questo settore – continua Blasoni – si traduce per fortuna in aumento dell’occupazione soprattutto femminile: assistere è un mestiere difficile ma che regala grandi soddisfazioni”.

Sereni Orizzonti è oggi il terzo operatore nazionale nella costruzione e gestione di residenze per anziani e anche uno dei più dinamici e in crescita in un settore che necessita di una rapida espansione. Il numero dei posti letto nelle residenze per anziani in Italia è infatti più esiguo di quelli presenti nei Paesi del Nord Europa quantunque l’aspettativa di vita media nel nostro Paese sia la più alta del continente. Secondo i dati OCSE, ogni 1.000 abitanti over 65 in Germania sono disponibili 53,1 posti letto contro i 18,9 nel nostro Paese.

Commenti (0)
Comment