Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'opera presentata su Rai 1

Attualità
22 dicembre 2017

Inaugurato ad Amatrice il Presepe di Lignano

di Giovanni Candussio (Ufficio stampa)
Realizzato dalle associazioni lignanesi a suggello del rapporto speciale instaurato tra le due comunità dopo il terremoto dello scorso anno
CONDIVIDI
22889
Attualità
22 dicembre 2017 di Giovanni Candussio (Ufficio stampa)

Dal 2004 la sabbia dorata scolpita dagli artisti dell’Accademia della Sabbia di Roma, guidati dallo scenografo Antonio Molin, rinnova la magia del Presepe e del Natale a Lignano Sabbiadoro. La passata edizione del Presepe di Sabbia, che ha evocato la memoria del terremoto in Friuli del 1976, aveva agito da forte tramite simbolico tra Lignano e la comunità di Amatrice, da pochi mesi devastata dalla stessa, violenta «tosse della terra».

Con la modalità tutta friulana che privilegia l’incontro e il reciproco “guardarsi negli occhi”, e non solo il mero aiuto economico, tra Lignano e Amatrice si è così stabilito una sorta di gemellaggio ideale suggellato dal soggiorno nella città balneare durante festività di fine 2016 di oltre un centinaio di ospiti (tra loro molti erano i giovanissimi) provenienti, appunto, dal centro reatino. Sono quindi seguite raccolte di fondi e scambi culturali, fra cui un memorabile concerto che ha visto il complesso veneto-friulano dei “Bagliori di Luce” rivisitare ai primi di settembre il repertorio storico di Lucio Battisti, con la partecipazione dello stesso Mogol, nella tensostruttura denominata “Cinema Paradiso” e che si era concluso con l’augurio «Fuarce Amatrice», più volte risuonato tra il pubblico e con la promessa di ritrovarsi a Natale.

Promessa mantenuta in questi giorni dal Coro Sand of Gospel di Lignano, il quale, sabato 16 dicembre, facendo ventiquattro ore di viaggio – da alba a alba – insieme all’assessore al Turismo Massimo Brini, a Mario Montrone presidente dell’associazione Dome aghe e savalon d’Aur e alla Presidente del coro Silvana Della Rossa, ha portato l’abbraccio ‘musicale’ di Lignano alla comunità ormai sorella di Amatrice. Pretesto per questo tour de force è stata l’inaugurazione dell’artistica Natività di sabbia che l’associazione Dome Aghe e Savalon d’aur (unitamente a Lignano in Fiore Onlus e Pro Loco) ha fatto realizzare nel cuore del nuovo centro commerciale di Amatrice, recentemente ricostruito dai cumuli di macerie. Nella giornata di mercoledì anche il programma “La Vita in Diretta” di Rai 1 ha presentato l’opera sulla prima rete nazionale. Dopo il concerto dei Sand of Gospel è stato scoperto il telone che celava la scultura, rivelando l’intensa e tenerissima bellezza di un presepe tradizionale. Un gesto quasi scaramantico, con l’augurio e la speranza che quella Natività possa portare ad Amatrice almeno una piccola parte della gioia e dell’energia positiva e fattiva che il Presepe di Sabbia ha saputo catalizzare a Lignano nella sequenza ormai lunga di quattordici edizioni.

Il Presepe di Sabbia di Lignano Sabbiadoro è visitabile fino al 28 gennaio. Info e orari su www.presepelignano.it

Commenti (0)
Comment