Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Alla scuola primaria Pitteri

Sport
13 dicembre 2017

Le stelle olimpiche brillano a Farra

di redazione (fonte Ufficio stampa Asd Le Stelle)
La velista Marta Zanetti e l'ex cestista Roberto Premier hanno incontrato gli studenti per condividere con loro le proprie esperienze di vita e di sport
CONDIVIDI
22772
Gli olimpici Marta Zanetti (prima a destra) e Roberto Premier insieme alle insegnanti
Sport
13 dicembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Asd Le Stelle)

Alla scuola primaria Riccardo Pitteri di Farra d'Isonzo si è tenuto il terzo appuntamento di Stelle in Classe, con la presenza degli olimpici Marta Zanetti e Roberto Premier.

Ad attendere la velista paralimpica plurititolata e il cestista, ex di Gorizia, Milano e Roma, c'erano gli studenti delle quarte e quinte, accompagnati dagli insegnanti e dalla coordinatrice, che ha gestito i rapporti con l'ASD Le Stelle in occasione della terza tappa del tour, la professoressa Federica Donaggio.

Marta e Roberto hanno iniziato a raccontare alcuni loro momenti di quando erano giovanissimi e le loro prime esperienze sportive, vissute come puro divertimento. Per ambedue è stato un banale volantino ad avviarli verso un'incredibile carriera di atleti professionisti ai massimi livelli, sino a raggiungere le olimpiadi. Zanetti (velista paralimpica a Londra 2012 e RIO 2016 dove si è classificata sesta in coppia con Marco Gualandris, nella classe SKUD 18) è ritornata indietro nel tempo, ricordando la sua giovinezza a Portogruaro, quando a 10 anni praticava la ginnastica, la danza e lo sci alpino sue grandi passioni che le hanno dato anche l'opportunità di allacciare diverse amicizie. Il momento più intenso del suo intervento quando si è soffermata sull’incidente automobilistico a 18 anni, al seguito del quale ha subito l'amputazione della gamba destra. “Grazie alla famiglia e a degli amici fantastici – ha raccontato – ho reagito con grinta, coraggio e forte determinazione, rendendomi conto che la vita va combattuta e soprattutto vissuta con continue sfide. I sacrifici e lo sport mi hanno ripagata e i prestigiosi risultati raggiunti mi hanno dato una forza incredibile. A tutto ciò va aggiunto pure il grande amore per il mare che mi ha spinto, con ferrea convinzione a scegliere di praticare la vela”. 

 “Un giorno – ha raccontato Premier (uno dei più forti giocatori di pallacanestro degli anni ottanta, vincitore di 5 scudetti con Milano e due coppe dei campioni e due coppe Korac di cui una con Roma, in Nazionale alle olimpiadi di Los Angeles nel 1984) – ho visto un volantino a Treviso dove si invitavano le famiglie a portare i propri figli in una palestra per praticare la pallacanestro. Lo feci vedere a mio padre e, da quel momento, il basket è diventato parte della mia vita, facendomi raggiungere il massimo degli obiettivi, fino ad arrivare alle olimpiadi. L'unico mio rammarico, è quello di non aver proseguito gli studi all'università, dopo la scuola superiore”.

Commenti (0)
Comment