Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Visitabile tutti i giorni

Turismo
07 dicembre 2017

Cividale e il fascino secolare del presepe delle Orsoline

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Cividale)
Nel Monastero di Santa Maria in Valle le statue esposte fanno rivivere la gente che animava i mercati e le vie della città
CONDIVIDI
22705
(ph. Comune di Cividale)
Turismo
07 dicembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune Cividale)

Tra le mura dell’antico Monastero di Santa Maria in Valle per decenni si è ripetuta la tradizione di allestire il presepe a cura delle Orsoline e delle loro allieve. Questa tradizione è stata ripresa, dopo un periodo di assenza da Cividale (il Presepe era stato trasportato a Gorizia), da dicembre del 2004 quando il Comune lo ha nuovamente allestito nell’ambiente originario, al di sotto del campanile della Chiesa di San Giovanni Battista, presso l’antica lavanderia delle suore.

Il Presepe è visitabile gratuitamente tutti i giorni, in inverno con i seguenti orari: da lunedì a venerdì 10-13 e 14-17; sabato e domenica 10-17; il 25 dicembre sarà chiuso mentre il primo gennaio sarà aperto solo nel pomeriggio.

L’artistico e storico bene, collocato fin dalle sue origini all’interno del Monastero di Santa Maria in Valle, si compone di statuine con testa e mani in cera e corpo in stoppa. La tradizione orale attribuisce il lavoro di artigianato popolare al Settecento, ma studi riguardanti i costumi lo collocano nella seconda metà dell’Ottocento. Le statuine, realizzate nel silenzio della clausura, fanno rivivere la gente che animava i mercati e le vie di Cividale anche attraverso i nomi friulani con i quali le suore li avevano battezzati: Iustin, Agnul, Checo, Min, Zef, Nadal, Tin, Vigi, Toni, Bepo, Meni, Ursule, Sunte, Mariane, Mariute, Menie, Angiule, Filumene, Pine, Sante….

Il presepe registra un costante ed alto afflusso di visitatori e di turisti, tant’è che il Comune lo tiene stabilmente aperto al pubblico anche durante la stagione estiva. 

Commenti (0)
Comment