Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la stagione Chamber Music

Cultura e Spettacolo
05 dicembre 2017

La musica tra emozione e razionalità

di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)
In arrivo a Trieste quindici grandi concerti cameristici. Esordio il 22 gennaio. Ecco il programma completo
CONDIVIDI
22664
I Cameristi di Santa Cecilia (ph. Ufficio stampa Chamber Music)
Cultura e Spettacolo
05 dicembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)

Sempre più internazionale la Stagione Cameristica dell’Associazione Chamber Music Trieste, forte di 15 grandi concerti in scena al Teatro Verdi di Trieste - Sala Ridotto Victor De Sabata, dal 22 gennaio al 10 dicembre 2018. “Emozione e razionalità” titola il leitmotiv chiamato a scandire la programmazione diretta dalla musicologa Fedra Florit, articolata in una tranche inverno – primavera con 8 concerti, e nel Festival Pianistico “Giovani interpreti e grandi Maestri” che ad autunno precederà la 19^ edizione del Concorso internazionale “Premio Trio di Trieste” dedicato alla composizione con il Giampaolo Coral Award e il consueto Concerto di Natale. 

Un ritratto, un dialogo finissimo: F. Schubert è il filo rosso del concerto inaugurale, lunedì 22 gennaio, affidato a due artisti pluripremiati e in grande ascesa insieme. Primo premio al Concorso Internazionale di violino “Leopold Mozart” di Augsburg e Primo premio al Concorso Internazionale “Joseph Joachim” di Hannover per la violinista Suyoen Kim; affermazione nel Concorso Chopin per giovani pianisti a Mosca, al Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni” nel 2000 e al Concorso Internazionale di pianoforte di Hamamatsu (Giappone) per il pianista Dong-Hyek Lim. Il secondo concerto dell’anno alzerà il sipario sui prestigiosi Cameristi di Santa Cecilia, lunedì 19 febbraio: in formazione per flauto e Quartetto d’Archi con La felicità inventiva si esibiranno su musiche di MozartBoccherini e Reicha.

Lunedì 19 marzo riflettori su Un ritratto in punta d’arco: W.A. Mozart: sarà il Leipzig String Quartet a offrirlo, con un concerto dedicato a musiche del Genio austriaco. Ancora un’ospitalità internazionale lunedì 16 aprile: appuntamento con gli Slowind, il celebre Quintetto di fiati sloveno integrato per l’occasione dal pianista Aleksandar Madžar. Classicissime serenità creative titola la serata che sarà scandita da musiche di Mozart e Beethoven. 

Lunedì 23 aprile a Trieste torna una delle formazioni più amate sulla scena nazionale ed europea, I Virtuosi Italiani, che faranno tappa nella formazione arricchita dal Duo Maria e Nathalia Milstein, violino e pianoforte. Virtuosi e romantici sarà il tema portante del concerto, su partiture di Felix Mendelssohn e Nino Rota. La primavera 2018 offrirà ancora una grande performance per Duo lunedì 30 aprile: la violoncellista Marianna Sinagra e il pianista Lorenzo Cossi proporranno La Variazione in Duo.   Lunedì 7 maggio sipario sul Trio Metamorphosi, la formazione per pianoforte e archi sempre pronta a mettersi in gioco con la volontà di creare prospettive di unicità in ogni performance. Come in questo Ritratto dell’inquietudine romantica: R. Schumann, un concerto monografico dedicato al grande compositore e alla sua appassionata concezione moderna dell'arte musicale. A suggellare la prima parte della Stagione Cameristica 2018 di Chamber Music sarà, lunedì 14 maggio, il Quartetto Adorno, di scena a Trieste su musiche di Beethoven, Webern e Debussy per un concerto-manifesto sul tema Giovani e appassionati.

Fra passione e impeto, razionalità e riflessione, gravitano i cinque concerti del Festival Pianistico 2018 di Chamber Music. Di primissimo piano i protagonisti: una ventata cosmopolita di eccezionali talenti del pianismo contemporaneo, a cominciare dal russo Alexander Melnikov, per una serata inaugurale nel segno di Fantasia e razionalità, lunedì 17 settembre. Si prosegue, lunedì 24 settembre, con la performance affidata alla pianista croata Martina Filjak:  La Fuga e la passione ardente. Lunedì primo ottobre il testimone passerà al pianista ucraino Volodymyr Lavrynenko per una serata di Razionalità e divine lunghezze. Unica partecipazione italiana del festival 2018 sarà quella del pianista Giuseppe Albanese lunedì 8 ottobre: Razionalità danzante e poetica suggestione timbrica il tema del concerto. Lunedì 15 ottobre gran finale con il concerto di Antonii Baryshevskyi, La razionalità smaterializzata, l’astratta meditazione

Si rinnova l’appuntamento con il Concorso internazionale “Premio Trio di Trieste” 2018 dedicato per la sua 19^ edizione alla composizione cameristica con il “Giampaolo Coral Award”. Duo, Trio e Quartetto con pianoforte e archi sono al centro di questa nuova competizione legata alla scrittura per la musica promossa dall'Associazione Chamber Music in collaborazione con l’Accademia Chigiana di Siena e con il sostegno del Conservatorio Tartini di Trieste e dell’Associazione Chromas. Fra le partiture pervenute entro il 15 marzo, la Giuria selezionerà il miglior candidato, al quale verrà richiesto l'invio di 5 partiture inedite. La premiazione è in programma lunedì 22 ottobre 2018, durante il concerto del Trio Gaon, vincitore della 18^ edizione del Premio Trio di Trieste: Jehye Lee violino, Samuel Lutzker violoncello e Tae-Hyung Kim pianoforte si esibiranno su musiche di Simone Corti, Ludwig van Beethoven e Johannes Brahms.

Gli Auguri di Natale 2018 infine saranno nel segno del concerto straordinario, proposto fuori abbonamento lunedì 10 dicembre alle 18  all’Hotel Savoia Excelsior Palace di Trieste: di scena per l’occasione sarà il Premio Chigiana 2017, la violoncellista olandese Ella van Poucke impegnata in un programma su musiche di Bach, Cassadó e Piatti.

Info: www.acmtrioditrieste.it

Commenti (0)
Comment