Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Diciassettesima edizione di Nativitas

Cultura e Spettacolo
23 novembre 2017

In FVG le tradizioni natalizie dell'Alpe Adria

di redazione (fonte Ufficio stampa Usci FVG)
Dal 25 novembre al 14 gennaio in programma sul territorio regionale 160 eventi corali a ingresso gratuito
CONDIVIDI
22438
(ph. Usci FVG)
Cultura e Spettacolo
23 novembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Usci FVG)

Saranno 160 gli eventi corali che dal 25 novembre al 14 gennaio costituiranno il programma di Nativitas, la vetrina di concerti promossa dall’Usci (Unione società corali) Friuli Venezia Giulia. Un format noto (e già esportato) in tutta Italia e all’estero avviato 17 anni fa per portare all’attenzione le tradizioni natalizie del territorio dell’Alpe Adria e rendere fruibili a un pubblico più ampio i progetti musicali realizzati dai cori associati all’Usci.

Anche quest’anno si potrà assistere a concerti a cappella o con gruppi strumentali e orchestre, con capolavori del repertorio dei secoli passati o con la valorizzazione di autori contemporanei locali, con l’entusiasmo travolgente del gospel o il misticismo del canto gregoriano, senza dimenticare il valore della conservazione delle antiche tradizioni locali, nei repertori e nelle forme peculiari che rivivono in alcuni di questi eventi.

Tutti i concerti di Nativitas sono a ingresso gratuito.

Nel primo week end musicale sarà la provincia di Gorizia il territorio più ricco di eventi con tre concerti. Sabato 25 novembre alle 20.30 la chiesa di San Giorgio a Lucinico sarà la sede del concerto dal titolo Transeamus usque Betlehem, che la Coral di Lucinis, il laboratorio corale dell’Associazione Studio Musica, il Coro Monte Sabotino e l’orchestra della scuola di musica di Farra d’Isonzo dedicano al 250° Anniversario della nascita del compositore di origine polacca Joseph Schnabel (1767-1831). Sembra che la sua Messa in fa minore, risalente al 1820, non sia mai stata eseguita in tempi moderni, caratteristica che rende ancora più preziosa la proposta musicale a gruppi riuniti sotto la direzione di Roberto Lizzio. Il progetto verrà riproposto domenica 26 novembre alle 20 nella chiesa di San Lorenzo a Ronchi dei Legionari; il programma domenicale di Nativitas inizierà già alle ore 17, quando la chiesa di San Giuseppe a Monfalcone ospiterà Aspettando il Santo Natale, a cura del coro Angelo Capello di Begliano e della corale della parrocchia ospitante.

In questo primo fine settimana di Nativitas, saranno due i concerti nella provincia di Udine. Sabato 25 novembre alle ore 17 il Grop coral Gjviano proporrà nella chiesa di Santa Caterina a Luint di Ovaro un concerto dedicato alla tradizione natalizia in Carnia, dall’Avvento all’Epifania. In programma alcuni brani tipici dell'Alta Val di Gorto, con esempi provenienti anche da altre parti della Carnia. Domenica 26 novembre alle ore 17 il coro femminile San Giacomo e la Corale San Vito ricorderanno invece i 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi con un concerto celebrativo nella chiesa di San Martino a Marano Lagunare.

A Trieste Nativitas prenderà l’avvio con la tradizionale rassegna corale per cori giovanili e scolastici Note sotto l’albero. La XIX edizione della rassegna vedrà la partecipazione dei cori del Liceo Oberdan Junior e Senior, del coro femminile Barkovlje e del coro Note in crescendo da Ronchi dei Legionari. La rassegna sarà in programma sabato 25 novembre alle ore 18 nella chiesa evangelica luterana. Questa sarà soltanto la prima parte dell’iniziativa che proseguirà sabato 2 dicembre con la seconda rassegna che vedrà la partecipazione di ulteriori cori ospiti.

Info e programma: www.uscifvg.it

Commenti (0)
Comment