Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Impieghi e serietà

Società
28 ottobre 2013

I nostri giovani? Vanno educati al lavoro

di Cristian Vecchiet
Da chi non si presenta puntuale in azienda a chi porta i genitori con sé al primo colloquio professionale: ecco perché la disoccupazione non è solo figlia della crisi economica.
CONDIVIDI
2846
Società
28 ottobre 2013 di Cristian Vecchiet Image

La questione lavorativa ha assunto la priorità assoluta nelle politiche dei governi occidentali. Il tasso di disoccupazione ha raggiunto picchi inaccettabili, soprattutto nei Paesi come il nostro. Questo è tanto più vero se si prende in esame la fascia giovanile.

C’è una questione interna al lavoro che, tuttavia, anche prima del 2007 – anno dello scoppio della bolla finanziaria – ha raggiunto i tratti di un’urgenza non sempre riconosciuta o ammessa, quella dell’educazione al lavoro.

Non è affatto infrequente che ragazzi neomaggiorenni, e non solo, abbiano difficoltà a presentarsi sempre puntuali al lavoro, oppure che manifestino una capacità di tenuta più limitata rispetto ad anni fa. Capita che si licenzino o tentennino dopo essere stati redarguiti per non aver svolto la mansione così come richiesta. E, dato forse ancora più sconcertante, a volte si presentano ai colloqui di lavoro con un genitore. Ma non è finita, succede persino che alcuni genitori accompagnino i propri figli al ricevimento dei docenti all’università, per avere delle dritte.

È abbastanza chiaro che un ragazzo di 20 o 25 anni che si presenta a un colloquio di lavoro accompagnato da mamma e papà ha definitivamente affossato la possibilità di conquistarsi quel posto. Parimenti il docente si fa una pessima impressione del ragazzo e della sua famiglia.

In questione sono i sistemi educativi prevalenti nel nostro Paese dal secondo dopoguerra a oggi. Non è raro che i datori di lavoro trovino i ragazzi stranieri dei Paesi in via di sviluppo più capaci di tenere l’occupazione, oltre che più abili nell’esecuzione stessa delle mansioni affidate.

E il riferimento non è solamente agli ingegneri indiani o ai tecnici o manovali cinesi. Esiste un problema strettamente connesso a un’educazione alla vita adulta. Per lavorare sono necessarie abilità come la resistenza nelle difficoltà, l’obbedienza ai superiori, la capacità di lavorare in squadra, l’assiduità nell’impegno, il senso del dovere: tutte qualità morali legate alla interiorizzazione del principio di realtà. Il diritto del lavoro prevede, nel caso di lavoro subordinato, il dovere della prestazione (obbligazione principale) e poi della diligenza, dell’obbedienza e della fedeltà da parte del lavoratore. Tali comportamenti sono obbligatori e possono essere assunti concretamente solo da chi è introdotto alla vita adulta.

Come si vede, a creare il problema non sono innanzitutto i giovani, bensì gli adulti. Le problematiche giovanili sono il riflesso della crisi dell’identità degli adulti. Spesso gli adulti hanno ecceduto e prolungato le loro modalità di protezione dei ragazzi, impedendo loro di poter scoprire e misurarsi con la complessità e la ruvidità del reale. Tendenzialmente un ragazzo oggi fa più difficoltà a sopportare le asprezze della vita, a lottare per ottenere quello che vuole, ad accettare le sfide quotidiane, a dilazionare le attese... Oppure non di rado gli adulti adottano un atteggiamento di segno opposto e altrettanto dannoso, quello della delega.

Senza dimenticare che anche l’educazione morale è indispensabile per una sana condotta sul posto di lavoro. E l’educazione ad atteggiamenti pro-sociali nasce dalla giustizia esercitata dagli adulti di riferimento – gli adulti  significativi – ma anche dal senso morale esercitato e sostenuto da chi riveste un ruolo pubblico o comunque esercita un’influenza pubblica. L’esaltazione pubblica di esempi di dubbia moralità conduce a un inevitabile deterioramento della morale pubblica e, di conseguenza, di quella privata.

La questione lavorativa è complessa. Conosce risvolti poliedrici. Quello politico perché senza il lavoro non si vive e la società non sta in piedi. Ma ancor prima quello antropologico perché permette all’uomo di realizzarsi e di cambiare il mondo in meglio. Quello etico perché deve essere concesso a tutti: tutti hanno il diritto-dovere di impegnarsi.

E sicuramente anche quello educativo perché al lavoro hanno il diritto-dovere di accedervi persone con un minimo di ossatura morale.

L’educazione al lavoro si traduce in educazione alle virtù. La virtù è “l’abito operativo buono”, “l’abito che perfeziona l’uomo nel bene operare” secondo San Tommaso. La virtù è una disposizione stabile a comportarsi secondo principi buoni. Le virtù strutturano il carattere morale dell’uomo, l’ossatura dell’uomo, rendendolo capace di lottare per realizzare i propri desideri più autentici e di non sbandare nei momenti più ardui che l’esistenza riserva.

Virtuoso è l’uomo che sa combattere, che sa qual è il giusto mezzo, che tiene la barra al centro.

L’acquisizione dell’habitus non è immediata e spesso necessita di vera perseveranza. Sicuramente cresce e si instaura con l’educazione e grazie all’esempio quotidiano di figure positive che sappiano indicare quali sono i comportamenti giusti, bacchettare quando non vengono seguiti, e soprattutto comportarsi loro stesse responsabilmente.

La pedagogia dell’esempio è sicuramente quella più incisiva. I giovani hanno bisogno di adulti virtuosi, di adulti che ogni giorno si impegnino nel loro lavoro, qualunque esso sia, con passione e fedeltà.

Le pratiche lavorative inoltre sono esse stesse un’occasione educativa. Il lavoro forma alle virtù. Spesso i ragazzi – anche i più difficili e che arrancano a scuola – riescono ad acquisire competenze attraverso il lavoro.

L’esempio dei CFP (Centri di Formazione Professionale) è lampante. La prassi struttura la persona, rafforza il carattere, potenzia la motivazione, favorisce l’interiorizzazione dei valori. Il lavoro è una scuola. La persona spiritualizza il lavoro e attraverso il lavoro può cambiare il mondo e se stessa.

L’educazione al lavoro e mediante il lavoro rappresenta una sfida connessa a quella occupazionale. Il lavoro richiede adeguata formazione, una formazione di tipo morale prima ancora che tecnica. Ed è al tempo stesso una palestra formativa, perché struttura la personalità morale dell’uomo.

Commenti (0)
Comment