Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la stagione Contatto TIG

Cultura e Spettacolo
02 ottobre 2017

Studenti a teatro con... Coraggio!

di redazione (fonte Ufficio stampa CSS)
Da ottobre a maggio spettacoli, approfondimenti e laboratori per gli allievi dalla scuola dell'infanzia alle superiori. Da Udine alla Bassa friulana. Ecco tutte le opportunità
CONDIVIDI
21642
Copenaghen (ph. Marco Caselli)
Cultura e Spettacolo
02 ottobre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa CSS)

Sono tante le strade del CORAGGIO!, parola unica con il punto esclamativo, titolo di Contatto TIG, la Stagione di teatro per le nuove generazioni.

Il progetto artistico ideato e curato dal CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia prevede 150 repliche di spettacoli, in matinée per le scuole e in pomeridiana per le famiglie, 6 nuove produzioni, 12 laboratori per gli insegnanti e gli operatori e 42 incontri di approfondimento.

La Stagione giunge quest’anno al traguardo della 20a edizione a Udine e provincia e della 21a nella Bassa Friulana Orientale e Destra Torre, in una costante crescita in termini di proposte, di partecipazione di bambini e ragazzi, dai 3 ai 19 anni, e di collaborazione dei dieci Comuni - Aiello del Friuli, Aquileia, Bagnaria Arsa, Campolongo Tapogliano, Cervignano del Friuli,  Fiumicello, Marano Lagunare, Ruda, San Giorgio di Nogaro e Terzo di Aquileia - aderenti al Tavolo collettivo di costruzione del progetto.

Alla Stagione di spettacoli in classe e a teatro, sia a Udine (al Teatro Palamostre e al Teatro S. Giorgio), che a Cervignano del Friuli (Teatro Pasolini), e nelle scuole e i plessi dei dieci Comuni partecipanti, si affianca l’attività degli incontri e dei laboratori rivolti agli insegnanti di Fare Teatro.

Confermata la collaborazione, nata alcuni anni fa, con il progetto Crescere leggendo del Sistema Bibliotecario del Friuli Venezia Giulia, con cui la Stagione Contatto TIG condivide il tema portante CORAGGIO! rappresentato per la Stagione dedicata alle nuove generazioni, nell’immagine creata dalla illustratrice Pia Valentinis.

Negli spettacoli per i più grandi è riservata particolare attenzione a temi sensibili e tematiche legate alla contemporaneità dall’immigrazione alla crisi dei rifugiati, dall’inclusione sociale al contrasto delle discriminazioni, dalle dipendenze all’educazione alimentare e bullismo.

C’è spazio anche per la rilettura di grandi classici e per la presenza di autori e personaggi fondamentali nella storia della letteratura che vengono magistralmente reinventate, riviste, riscritte e reinterpretate per avvicinare e stimolare l’interesse del giovane pubblico.

All’interno delle scuole dell’infanzia va in scena un viaggio lungo le parole di Fiabe da Tavolo, piccole narrazioni in valigia co-prodotto dal CSS con il Teatro delle Apparizioni.  A teatro Auschwitz, una storia di vento con l’Associazione Mamarogi riflette sul tragico evento storico.

Sono trattati avvenimenti del nostro contemporaneo con Alan e il mare di Giuliano Scarpinato, favola poetica che prende spunto dll’immagine del piccolo siriano Alan Kurdi in fuga dal conflitto, e storie della Grande Guerra viste dagli occhi delle due sorelline del romanzo Fuori fuoco, Premio Strega ragazzi di Chiara Carminati, da lei stessa raccontato in scena con musica e immagini.

Il coraggio sfocia nella scienza con Copenaghen, duello verbale fra i Premi Nobel Bohr e Heisenberg interpretato dagli straordinari attori Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice, in esclusiva per le scuole in pomeridiana e serale in collaborazione con la Stagione Teatro Contatto 36.

Infine il coraggio del diventare adulti è affrontato con il pragmatico racconto esistenziale Diario di una casalinga serba di e con Ksenjia Martinovich che ripercorre la Jugoslavia di Tito, la guerra e la Serbia di Milosevic.

Claudio Moretti apre una finestra sull’attualità con …E se fossimo in guerra?, Emauele Carucci Viterbi con Tra cielo e Terra parla di Petrarca: frammenti di una confessione e Sarcasmo e pietà: Pirandello di fronte all’uomo che non c’è più pone l’accento sull’attualità dell’autore siciliano e Francesco Accomando con La Grande Guerra dei ragazzi legge e interpreta autori e testimonianze storiche e opere letterarie.

Contatto TIG tornerà invece all’interno delle scuole dell’infanzia. Dal 20 novembre al 7 dicembre nei plessi di Udine e della Bassa Friulana torna la tradizione dei burattini con Le avventure di fagiolino realizzato e ideato da Mattia Zecchi.

Dal 9 al 13 aprile e dal 16 al 18 aprile sei fiabe viaggeranno in sei valigie segnando strade possibili, piccoli sentieri e grandi avventure con Fiabe da tavolo piccole narrazioni in valigia, nuova coproduzione CSS e Teatro delle Apparizioni, diretto e ideato da Fabrizia Pallara.

I bambini delle scuole dell’infanzia e delle primarie alla prima vivranno anche la prima esperienza di visione dal vivo all’interno della sala teatrale. Dal 12 al 14 dicembre al Teatro S. Giorgio di Udine in scena CIRCOLUNA. L’unico circoteatro di ombre al mondo del Teatro GiocoVita, spettacolo d’ombre e luci con protagonisti Lucetta e Achille, uniche presenze in carne e ossa di questo mondo circense.

Becco di Rame del Teatro del Buratto è la storia di un’oca che perde una parte del becco. Il racconto pensato per i piccoli, dai 3 agli 8 anni, affronta la disabilità e insegna l’accoglienza, l’accettazione e il riscatto. (23 e 24 gennaio al Teatro Pasolini di Cervignano, 26 e 27 gennaio al Teatro Palamostre di Udine).

Fiaba antica, raccontata e interpreta in più versioni, Rosso Cappuccetto è ora riallestita dal Teatro delle Briciole (10, 11 aprile al Teatro S. Giorgio, 12 aprile Auditorium San Zorz - San Giorgio di Nogaro e 12, 14 aprile al Teatro Pasolini di Cervignano) in una versione vicina alla prima scritta da Perrault, ma indossata come un abito e animata dal suo interno, adatto dai 4 ai 7 anni.

Racconto alla rovescia, spettacolo ideato e interpretato dal talentuoso narratore Claudio Milani e destinato ai piccoli spettatori dai 5 ai 7 anni, svela la vita come succedersi di attese e scandita da conti alla rovescia (6, 7 marzo al Teatro Pasolini di Cervignano).

Per gli studenti più grandi, quattro storie racconteranno la diversità, l’amicizia, la solidarietà e il coraggio attraverso la voce di un piccolo roditore. Quattro narrazioni basate sul libro di Leo Lionni e interpretate da uno dei più importanti narratori italiani Roberto Anglisani che incanterà con Topo Federico la platea dei piccoli spettatori dai 6 ai 10 anni (19, 20 febbraio Teatro Pasolini di Cervignano, 21 febbraio Auditorium San Zorz e 26, 27 febbraio Teatro s. Giorgio a Udine).

Biancaneve, la vera storia è lo spettacolo della Compagnia CREST che vuole portare per mano, “dietro le quinte” della storia, i piccoli spettatori dai 6 agli 11 anni (15, 16 dicembre al Teatro Palamostre di Udine, 19 e 20 dicembre al Teatro Pasolini di Cervignano del Friuli).

Auschwitz, una storia di vento ripercorre la Shoah e affronta con delicatezza ciò che permane quale emblema di ogni discriminazione di ieri e di oggi di un’umanità senza memoria. Lo spettacolo diretto da Fabrizio Pallara, liberamente tratto dalla App nata da un’idea di Franco Grego, si rivolge ai bambini dagli 8 ai 12 anni per riflettere sul coraggio a ogni forma di emarginazione (26, 27 gennaio al Teatro S. Giorgio di Udine, 29, 30 gennaio  al Teatro Pasolini di Cervignano e il 31 gennaio al Auditorium San Zorz).

La tragica cronaca attuale è lo spunto per Alan e il mare di Giuliano Scarpinato e prodotto dal CSS che tenta di spiegare ai ragazzi, dai 9 ai 14 anni, il dramma della crisi dei rifugiati. Alan e suo padre Abdullah lasciano una notte il loro paese, Kobane in Siria, e salgano su una barchetta sgangherata…Lo spettacolo è consigliato da Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, (5, 6 marzo al Teatro S. Giorgio di Udine e 12,13 marzo al Teatro Pasolini di Cervignano del Friuli).

Tratto dal romanzo sulla Grande Guerra valso a Chiara Carminati il Premio Strega ragazzi, Fuori Fuoco. La Grande Guerra raccontata dalle storie alla Storia è un viaggio musicale e narrativo alla ricerca di un pezzo di famiglia. Lo spettacolo, prodotto dal CSS, nasce dall’incontro dell’autrice con il musicista Leo Virgili e racconta la guerra ai giovani dai 10 ai 14 anni dal punto di vista di chi trova il coraggio di scappare (5, 7 febbraio al Teatro Pasolini di Cervignano, 6 febbraio all’Auditorium San Zorz di San Giorgio di Nogaro e 8, 9 febbraio al Teatro s. Giorgio di Udine).

Il tema della patologia alimentare è centrale in Quasi perfetta. Uno spettacolo sull’anoressia di MTM-Quelli di Grock. In scena, per gli studenti dai 12 ai 18 anni, Alice, una ragazza un tempo anoressica, ora guarita, si racconta spinta dall’urgenza viva e la necessità di far conoscere il problema e esortare a trovare il coraggio di accettarsi (27, 28 febbraio al Teatro Pasolini di Cervignano e 1, 2 marzo al Teatro Palamostre di Udine)

A novembre L’universo è un materasso e le stelle un lenzuolo della Compagnia del Sole parla a un giovane pubblico dagli 11 ai 15 anni la storia della storia del Tempo, dal mito alla meccanica quantistica. Un modo per divertirsi studiando, per imparare ridendo e porsi le domande di scienziati e filosofi che hanno rivoluzionato la storia. (23, 24 novembre al Teatro Palamostre di Udine, 25 novembre al Teatro Pasolini di Cervignano e 27 novembre all’Auditorium San Zorz).

Attorno a queste domande cruciali che hanno segnato tutta la storia della scienza si sofferma anche il testo teatrale, Copenaghen, un formidabile thriller scientifico-politico del drammaturgo inglese Michale Frayn rappresentato in tutta Europa da tre grandi interpreti del teatro italiano Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice, per la scuola secondaria di II grado in esclusiva in pomeridiana e serale (16 novembre ore 17, 19 novembre ore 18 e 15,17 e 18 novembre ore 21 al Teatro Palamostre di Udine).

Per i ragazzi più grandi dai 16 ai 18 anni Diario di una casalinga serba è lo spettacolo d’esordio di Ksenija Martinovic giovane attrice serba che vive e lavora da alcuni anni in Italia. Liberamente tratto dal romanzo di Mrjana Bobic Mojsilovic, Angelka ripensa alla sua vita, all’infanzia nella Jugoslavia di Tito, alla sua adolescenza fino all’età adulta nella Serbia di Milosevic (16 febbraio al Teatro S. Giorgio).

Ispirato alla maestosa opera Amleto di William Shakespeare, Un principe della giovane e sorprendente Compagnia Occhisulmondo mette in evidenza e si sofferma sul marciume della società, l’avidità e la perdita di responsabilità. (17 gennaio Teatro al Pasolini di Cervignano, 18 e 19 gennaio al Teatro Palamostre)

Anche gli studenti delle medie e delle superiori saranno protagonisti. I promessi sposi siamo noi è un’operazione dedicata alle scuole secondarie, in cui gli studenti diventano protagonisti di un percorso che li stimola alla lettura e all’ascolto. Il progetto è a cura di Luciano Roman.

Ispirato dalla lettura della scrittrice danese Janne Teller, Claudio Moretti entra a febbraio nelle scuole di primo e secondo grado con ...E se fossimo in guerra? e sposta il riflettore sulla vita di chi cerca di ricominciare da zero ed è guardato con diffidenza, a volte con disprezzo.

Attraverso un percorso articolato nelle opere in versi (Canzoniere) e in prosa (Secretum ed Epistole), Emanuele Carucci Viterbi introduce nelle aule delle scuole secondarie di II grado la lettura scenica Tra Cielo e terra. Petrarca: frammenti di una grande confessione, per approfondire le contraddizioni che resero sommo il poeta.

Restano inoltre in repertorio le letture sceniche CSS: La grande guerra dei ragazzi di Francesco Accomando e infine Sarcasmo e pietà: Pirandello di fronte all’uomo che non c’è più di e con Emanuele Carrucci Viterbi.

Un legame a filo doppio unisce la didattica al teatro attraverso i laboratori e degli incontri di Fare Teatro. I laboratori sono condotti da personalità del teatro italiano: Chiara Carminati, scrittrice e autrice udinese, già Premio Andersen 2012 e Premio Strega 2016, cura un laboratorio di scrittura Rompete le righe! per coltivare il coraggio di uscire dal seminato e creare nuove strade ai pensieri e alle penne(13 novembre al Teatro S. Giorgio di Udine e 15 novembre alla Casa della Musica di Cervignano entrambi dalle 16 alle 19), la scenografa e fotografa Luigina Tusini con la Costruzione pratica di uno spazio interiore individua con i partecipanti, attraverso la scenografia, uno spazio proprio, nascosto dichiarato che sia (16 gennaio al Teatro S. Giorgio di Udine e 17 gennaio alla Casa della Musica di Cervignano entrambi dalle 16 alle 19),. Sensibile interprete e attore Emanuele Carucci Viterbi indaga con La lettura ad alta voce ovvero l’arte di prendere posizione il mistero che si rinnova nell’incontro del testo con la voce, nel passaggio dall’informazione ad esperienza (6 febbraio al Teatro S. Giorgio di Udine e 7 febbraio alla Casa della Musica di Cervignano, entrambi dalle 16 alle 19). Sulle possibilità esplorative della voce e del corpo e sulle tecniche narrative Claudio Milani illustrerà come rendere i propri racconti sempre più piacevoli all’ascolto (6 marzo al Teatro S. Giorgio di Udine e 7 marzo alla Casa della Musica di Cervignano entrambi dalle 16 alle 19).

La regista e attrice Rita Maffei tiene il laboratorio teatrale Interpretare un personaggio per immergersi e avere il coraggio di immedesimarsi in qualcun altro e vivere la sua storia (20 marzo al Teatro S. Giorgio di Udine e 18 marzo alla Casa della Musica di Cervignano entrambi dalle 16 alle 19). Infine Fabrizio Pallara del Teatro delle Apparizioni sperimenta con il laboratorio Nella Figura piccoli racconti di uso quotidiano la relazione tra animato e inanimato, attraverso la manipolazione di oggetti per andare verso la trasfigurazione del loro utilizzo consueto (17 aprile al Teatro S. Giorgio di Udine e 18 aprile alla Casa della Musica di Cervignano entrambi dalle 16 alle 19).

Ritorna anche La meglio gioventù, giunta alla ventesima edizione. Da ottobre a maggio i laboratori teatrali gratuiti riuniranno attorno all’esperienza artistica e aggregante due gruppi di ragazzi dagli 11 ai 15 anni e dai 16 ai 35 anni, residenti nei Comuni di Aiello del Friuli, Aquileia, Bagnaria Arsa, Campolongo Tapogliano, Cervignano del Friuli, Fiumicello, Marano Lagunare, Ruda, San Giorgio di Nogaro e Terzo di Aquileia. I laboratori, con settimanale, saranno curati dall’attore e regista Manuel Buttus del Teatrino del Rifo secondo un metodo che coinvolge i partecipanti nell’ideazione e messa in scena di testi teatrali e pensati per mettere in gioco e alla prova tutti. Il laboratorio culminerà con i saggi finali in forma di spettacolo. I primi incontri sono in programma il 18 e 25 ottobre al Centro Civico di Cervignano.

Compie dieci anni Udine città teatro per i bambini, il percorso teatrale promosso congiuntamente da Teatro Bambino del Teatro Nuovo Giovanni da Udine e da Contatto TIG in famiglia, ideato e organizzato dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, grazie anche alla collaborazione con ERT Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia- teatroescuola. Cinque gli appuntamenti di ContattoTIG in famiglia da condividere con i nonni, gli amici, i fratelli e genitori. Sul palcoscenico del Teatro Palamostre andranno in scena i Biancaneve, la vera storia di Michelangeli Campanale (domenica 17 dicembre ore 17), Giardini di plastica (sabato 6 gennaio ore 17) di Cantieri teatrali Koreja, Becco di rame del Teatro del Buratto (28 gennaio, ore 17), Girotondo del bosco di La piccionaia e Alan e il mare di Giuliano Scarpinato (4 marzo 2018). Anche quest’anno i giorni di spettacolo Damatrà curerà dei piccoli tempi di gioco a “misura bambino”.

Commenti (0)
Comment