Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Alla Borsa del Turismo outdoor di Udine

Turismo
19 settembre 2017

I tour operator del mondo stregati dal FVG

di redazione (fonte Ufficio stampa PromoTurismo FVG)
Sessanta tra operatori del settore e giornalisti provenienti da tre continenti hanno visitato la regione. Ecco i loro commenti
CONDIVIDI
21476
(ph. PromoTurismo FVG)
Turismo
19 settembre 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa PromoTurismo FVG)

Inaspettato, accogliente, ricco di risorse naturalistiche, storiche, culturali, enogastronomiche e legate alla tradizione: così è stato descritto il Friuli Venezia Giulia da alcuni degli operatori che hanno partecipato alla prima Borsa Internazionale B2B dedicata al turismo outdoor del Friuli Venezia Giulia che si è conclusa ieri nelle sale del museo d’arte moderna Casa Cavazzini a Udine, dove gli operatori regionali del settore hanno potuto presentare in appuntamenti one to one la propria offerta.

“L’aver ospitato in regione la Borsa del turismo outdoor – afferma l’assessore regionale alle attività produttive, Sergio Bolzonello – è la dimostrazione di come il Friuli Venezia Giulia sia riuscito a mettere a disposizione del turismo internazionale, e delle sue nuove tendenze, il suo grande patrimonio paesaggistico, intercettando così un turismo in forte crescita, e caratterizzato da un alto potere di spesa”.

“L’offerta del Friuli Venezia Giulia – sottolinea Jill Grant, tour operator neozelandese – è molto interessante perché è molto diversa da quella del nostro Paese ed è che quello che noi cerchiamo: qui voi avete la storia, i monumenti, l’area vitivinicola, la montagna, il mare, avete molto da offrire. È un piccolo paradiso sconosciuto, specialmente perché non è molto turistico e inoltre c’è una grande offerta di esperienze, è bellissimo lo scorrere dei paesaggi dalla montagna al mare in bici o trekking. Abbiamo ricevuto un caloroso benvenuto e quello che gli operatori offrono è davvero di prima classe”.

“L’opportunità di vedere dal vivo questi posti autentici, naturali, di provare le attività è davvero stupendo. Credo che questa regione – aggiunge Devin Littlefield, tour operator statunitense – abbia bisogno di pubblicità, non c’è alcun motivo per il quale un turista non debba visitarla, invece di andare nelle solite Milano, Roma o Venezia”.

“Il FVG non è così conosciuto, io stessa – spiega Britta Baumann, tour operator tedesco – conosco un po’ l’offerta del mare, ma le montagne non le ho mai visitate e i paesi alpini qui sono bellissimi oltre al mare e ad Aquileia, che mi è piaciuta molto”.

“Il prodotto offerto dal FVG – conferma Luigi Parmeggiani, tour operator dell’Emilia Romagna – è estremamente interessante, parlando di turismo verde la regione si presta tantissimo ad attività di cicloturismo e trekking”.

La Borsa del turismo outdoor è stata organizzata da PromoTurismoFVG con la collaborazione del Comune di Udine, e ha visto la partecipazione di 50 tour operator specializzati in questo particolare segmento del turismo, provenienti da  Paesi che rappresentano tre continenti: Austria, Canada, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Lettonia, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda, Polonia, Rep Ceca, Russia, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia e Ungheria. Insieme a loro sono giunti nel capoluogo friulano dieci giornalisti di testate di settore nazionali ed estere.

Commenti (0)
Comment