Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Salgono a 21 le insegne del consorzio

Società
29 giugno 2017

Via dei Sapori, due new entry in FVG

di redazione (fonte Studio Agorà)
Riconoscimento per i ristoranti Margò dell’Hotel La Perla di Ravascletto e La Torre di Spilimbergo. Ecco le loro specialità
CONDIVIDI
19969
Massimo Botter e Marco Talamini
Società
29 giugno 2017 di redazione (fonte Studio Agorà)

Due new entry in Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori: i ristoranti Margò dell’Hotel La Perla di Ravascletto e La Torre di Spilimbergo sono stati ammessi a far parte del gruppo portabandiera del livello di assoluta eccellenza della gastronomia del Friuli Venezia Giulia. Salgono così a 21 i ristoranti associati al consorzio presieduto da Walter Filiputti, nato 17 anni fa per volere di un gruppo di ristoratori, ed oggi composto complessivamente da 57 aziende (fra ristoranti, cantine e produttori agroalimentari), un’operazione talmente riuscita da essere diventata un caso di studio presso l’Università Bocconi di Milano.

L’Hotel La Perla si trova a Ravascletto. Sara Polo, padrona di casa appassionata conoscitrice di erbe, fiori, tradizioni che ama condividere con gli ospiti, ha da poco inserito, accanto alla cucina tradizionale quella creativa del Ristorante Margò, nome del piccolo torrente che passa accanto. La cucina del Margò è affidata a Stefano Buttazzoni, friulano di Ragogna-San Daniele, ma che si definisce carnico, tanto si è innamorato di questa terra, dove lavora dal 1995. Tra le specialità la “Verticale di frico”, reinterpretazione del più classico piatto carnico.

Al piano terra del ristorante La Torre di Spilimbergo, invece, ricevono gli ospiti il sommelier Massimo Botter e lo chef Marco Talamini. Marco così racconta la sua cucina: “Seguo la filosofia del tre: la miglior cottura per l'ingrediente base e altri due per creare armonia”. Partendo sovente da prodotti di territorio. Il ristorante La Torre aveva aperto i battenti, grazie a Stefano Zannier, nel 1983 nella vecchia sede (che ora è un’enoteca), per trasferirsi nel 1992 nella cornice attuale.

Commenti (0)
Comment