Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni
Società
21 aprile 2017

Il Sauvignon del FVG delizia la Francia

di Adriano Del Fabro (ufficio stampa)
Prestigioso riconoscimento per i vini del Friuli Venezia Giulia e, in particolare, dei Colli Orientali. Ufficializzata la candidatura per ospitare l'evento in regione nel 2019
CONDIVIDI
19044
Produttori friulani medagliati alla degustazione di Sauvignon
Società
21 aprile 2017 di Adriano Del Fabro (ufficio stampa)

Medagliere ricco quello conquistato dal Friuli Venezia Giulia durante lo svolgimento dell’ultimo Concorso mondiale del Sauvignon tenutosi a Bordeaux. I podi scalati dalle aziende regionali, infatti, sono stati 24 sui 28 complessivi italiani. Di questi, 14 sono quelli conquistati dal Friuli Colli Orientali e Ramandolo (2 dell’annata 2016 e 12 del 2015), compresa la medaglia d’oro per il migliore Sauvignon d’Italia assegnato all’azienda Cadibon di Corno di Rosazzo.

Da questi numeri è nata l’idea di un confronto, in compagnia di una decina di giornalisti, per provare a capire, con una degustazione ad hoc svoltasi in Villa Nachini-Cabassi di Corno di Rosazzo, i perché di questo successo divenuto.

«Il Consorzio è impegnato da oltre 10 anni sul percorso del miglioramento della qualità e bevibilità del Sauvignon del nostro territorio che, come si vede, è oramai riconosciuta nel mondo», ha affermato il presidente Michele Pavan, introducendo la serata.

«A Bordeaux, in proporzione ai campioni presentati, l’Italia – ha sottolineato Roberto Zironi dell’Università di Udine – ha vinto più premi della Francia e condivide con la Spagna il primato di investimenti sui vitigni bianchi e aromatici. Questi riconoscimenti contribuiranno a dare slancio al vitigno che trova molti estimatori in Europa e nel mondo».

Convinti, su questa tesi, anche i produttori “medagliati” presenti alla degustazione, i quali guardano già alla prossima edizione del Concorso (itinerante) che si terrà a Graz, in Austria, nella primavera del 2018.

«In quella occasione – ha anticipato Pavan in conclusione della serata – vorremmo presentare ufficialmente la candidatura del FVG a ospitare l’edizione del 2019. In tal senso, la prima richiesta ufficiale è già stata fatta dal Consorzio e appoggiata dalla Regione. Per raggiungere tale significativo risultato, già ottenuto nell’edizione del 2015, bisogna che, però, tutta la filiera sostenga convintamente la proposta e si presenti a Graz numerosa, con idee chiare e compattezza di obiettivi».

Commenti (0)
Comment