Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

I dati del Progetto HEaD

Società
14 marzo 2017

Collaborazione Università-aziende, dati positivi in Friuli

di redazione (fonte Friuli Innovazione)
Presentati 67 progetti di ricerca dalle aziende del territorio e attivati 17 assegni tra i ricercatori dell'ateneo di Udine
CONDIVIDI
18392
La sede di Friuli Innovazione (ph. Friuli Innovazione)
Società
14 marzo 2017 di redazione (fonte Friuli Innovazione)

67 progetti di ricerca presentati dalle aziende del territorio e 17 assegnisti dell’Università di Udine che porteranno avanti quelli selezionati dalla Regione operando all’interno delle aziende stesse. Sono questi i numeri del progetto Head (Higher Education and Development), finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e presentato a imprese e ricercatori in un evento organizzato da Friuli Innovazione e dall’Ateneo friulano lo scorso gennaio.

Questi numeri parlano chiaro - dichiara Fabio Feruglio, direttore di Friuli Innovazione - e dimostrano che la collaborazione tra il sistema imprenditoriale e quello della ricerca a livello locale funziona: una buona notizia per la nostra competitività”.

Il progetto HEaD ha tra le sue finalità principali quella di rafforzare la collaborazione tra il sistema della ricerca e quello imprenditoriale, nonché sostenere la formazione e l'occupazione attraverso l'inserimento in azienda di assegnisti di ricerca.

Tutto questo attraverso la possibilità, per le imprese del territorio, di presentare delle proposte di progetti di ricerca coerenti con le aree della Strategia di Specializzazione Intelligente regionale e le sue relative traiettorie di sviluppo.

L’Università di Udine - dichiara Maria Cristina Nicoli, Delegato alla Ricerca dell’Ateneo friulano - crede fortemente in questo progetto: è uno strumento estremamente potente, che sarà in grado di dare alle aziende che lo sfrutteranno a pieno grandi risultati”. 

Commenti (0)
Comment