Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Consegnati i premi Friul-Etica

Società
27 febbraio 2017

Gli eroi della contemporaneità

di redazione (fonte Euretica)
Il calciatore che abbandona l'attività agonistica per donare un rene alla moglie e le suore che ospitano donne e minori in situazioni di disagio. Ecco tutti i premiati a Udine
CONDIVIDI
18130
Società
27 febbraio 2017 di redazione (fonte Euretica)

Consegnati i premi Friul-Etica 2016 all’Istituto scolastico Stringher di Udine. Quattro i premiati: Alain Schiratti, che ha abbandonato il calcio per donare un rene alla moglie Cristina la quale ha lanciato un appello a favore della donazione di organi e dell’AIDO, associazione che promuove detta donazione e quella di tessuti e cellule; la Casa famiglia Suore della Provvidenza con suor Fiorella Piccolo che ospita mamme e minori in situazioni di disagio; e poi due premi alla memoria: al cavaliere del lavoro Andrea Pittini e al professor Franco Perraro, entrambi scomparsi nel 2016.

Il curatore dei riconoscimenti, Daniele Damele, ha tratteggiato il ricordo dei quattro premiati seguito dal presidente della Fondazione Friuli, Lionello D’Agostini, che ha evidenziato come “questa è una splendida lezione di educazione civica tesa a far risaltare i valori della vita che va sostenuta e diffusa”.

La psicologa del Centro regionale trapianti di Udine, Francesca Fiorillo, ha quindi evidenziato come “dai coniugi Schiratti giunge un esempio di solidarietà e altruismo in quanto donare un organo, ma anche riceverlo è fantastico anche se non semplice”.

A sottolineare la figura del medico Perraro ci ha pensato il maestro Giorgio Celiberti che ha anche donato un suo quadro alla signora Adriana che, commossa e in lacrime, ha ritirato la targa dedicata a suo marito che Celiberti stesso ha definito: “un uomo semplice e infinitamente grande” mentre il ricordo di Andrea Pittini è spettato a Flavio Pressacco: il cavaliere era proiettato nel futuro con costante passione e forza e se il Friuli contava a Roma e nel mondo lo si doveva e deve a lui”. A ritirare il premio c’era la figlia Marina: “Mia madre, schiva e timida, mi domanda tuttora come mai tutti volevano bene a mio padre, io penso che è perché tra le tante cose lui amava l’ordine e la pulizia a tutti i livelli”.

“Sono eroi contemporanei, veri maestri di etica”, ha commentato il sindaco di Udine, Furio Honsell. “L’etica non fa audience, ma i messaggi odierni sono significativi e non vanno dispersi in quanto risaltano eccellenze friulane”, ha fatto eco la dirigente dello Stringher Anna Maria Zilli.

Hanno collaborato alla realizzazione dell’evento Fondazione Friuli, Friul Tomorrow, Aido, associazione don Gilberto Pressacco, Aton per il progetto, Ceccarelli group logistica e trasporti, e Vallimpiadi il cui presidente, Massimo Medves, ha donato, assieme a Damele, una maglietta autografata da Zico a Schiratti con l’augurio di poter tornare nei campi di calcio, la sua passione. 

Commenti (0)
Comment