Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dal 23 al 25 febbraio

Attualità
22 febbraio 2017

Test con allagamento, chiuse strade a Corno e Cividale

di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)
Per consentire il collaudo funzionale del bacino di laminazione Noax disposto anche lo sgombero di persone in determinate aree. Coinvolti anche San Giovanni e Chiopris-Viscone
CONDIVIDI
18082
(ph. Comune di Cividale)
Attualità
22 febbraio 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Comune di Cividale)

Considerato che per i giorni 23 e 24 febbraio è prevista una precipitazione, i Comuni di Corno di Rosazzo e Cividale del Friuli segnalano che saranno avviate le attività di riempimento dell'invaso per la realizzazione del collaudo funzionale dello sbarramento sul torrente Corno a Corno di Rosazzo.

I Comuni coinvolti nelle attività sono: Corno di Rosazzo e Cividale del Friuli per l’allagamento delle aree agricole e delle strade interpoderali a monte dell'invaso; Corno di Rosazzo, San Giovanni al Natisone e Chiopris-Viscone, in stato d'allerta, per inondazioni in caso di cedimento del manufatto.

L’attività di chiusura delle paratoie sarà realizzata da giovedì 23, alle ore 9 circa, fino a sabato mattina.

Il Comune di Corno di Rosazzo ha disposto lo sgombero dalle persone e il contestuale divieto di transito per tutti i veicoli e le persone all’interno della zona a monte dello sbarramento di laminazione del Torrente Corno. Anche il Comune di Cividale del Friuli ha disposto lo sgombero delle persone ed il contestuale divieto di transito per tutti i veicoli e le persone all’interno della zona a monte dello sbarramento di laminazione del Torrente Corno, nella zona sud della località di Spessa.

Lo sbarramento ha una altezza di costruzione di 10 metri e una altezza allo sfioro di 7 metri; il collaudo consisterà nel suo riempimento allo sfioro, con l'accumulo di 400.000 metri cubi di acqua. Lo sbarramento del torrente Corno è stato realizzato con un manufatto in calcestruzzo armato a forma arcuata che presenta uno sviluppo di circa 200 m. Nella parte centrale sono ubicati gli apparati idraulici di regolazione della portata, come la luce di fondo con le paratoie per la sua chiusura e lo sfioratore di superficie.

Commenti (0)
Comment