Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Torna "Pordenonelegge il territorio"

Turismo
09 gennaio 2017

I luoghi friulani del poeta soldato

di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)
Da Sagrado a Santa Maria la Longa, un viaggio per ripercorrere la guerra e la letteratura di Giuseppe Ungaretti. Con visita speciale alla Distilleria Nonino
CONDIVIDI
17363
Giuseppe Ungaretti (ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Turismo
09 gennaio 2017 di redazione (fonte Ufficio stampa Volpe Sain)

Primo appuntamento del 2017 con Pordenonelegge il territorio, l’occasione per approfondire la conoscenza del Friuli Venezia Giulia attraverso la voce, le esperienze e la visione di protagonisti che sono nati o che hanno ben conosciuto il Friuli e le sue molteplici suggestioni. Sabato 4 febbraio, con la guida d’eccezione dello scrittore e storico Alessandro Marzo Magno, si andrà alla scoperta dei “Paesi di guerra e di versi”, ovvero i luoghi di Giuseppe Ungaretti soldato e poeta in Friuli. Capita a volte di scoprire con meraviglia che proprio in alcuni luoghi della nostra regione sono accaduti eventi che hanno fatto cambiare il corso della storia e lo sguardo sull’esistenza. È il caso di Santa Maria la Longa, il Comune che dà il suo patrocinio alla nuova escursione: una località che durante la Prima guerra mondiale fu retrovia delle truppe impegnate nelle cruente battaglie sull’Isonzo.

Tra le centinaia di migliaia di soldati acquartierati, si fermarono Gabriele D’Annunzio e Giuseppe Ungaretti, che proprio qui compose tre poesie (tra le quali la più nota Mattina: M’illumino / d’immenso) destinate a sconvolgere la scrittura del Novecento. Solo un mese prima Ungaretti pubblicava a Udine la sua prima e potente opera poetica, il Porto Sepolto, le cui liriche furono scritte quasi tutte sotto il fuoco nemico, sul monte San Michele nei pressi di Sagrado.

Seguirà la visita al Parco letterario di Sagrado dedicato proprio a Giuseppe Ungaretti. E ci sarà poi occasione di fare tappa in una delle vere eccellenze del Friuli Venezia Giulia: la Distilleria Nonino. Giannola e Benito Nonino nel 1973 hanno rivoluzionato il mondo della distillazione creando la Grappa Monovitigno e nel 1975 hanno istituito l’omonimo premio che in 5 occasioni ha anticipato le scelte dell’Accademia di Svezia, incaricata di conferire il Premio Nobel. La visita prevede anche l'ingresso nelle Cantine invecchiamento Nonino poste sotto sigillo e controllo dell'agenzia delle Dogane alla presenza del funzionario.

L’itinerario di pordenonelegge il territorio prevede partenza alle 9 da Pordenone e prima tappa alle 10 a Percoto da Nonino Distillatori. Alle 11.30 l’incontro con Alessandro Marzo Magno a Villa Mauroner di Tissano di Santa Maria La Longa. Dopo la pausa pranzo, partenza per Sagrado per visitare il Parco Ungaretti. Rientro a Pordenone alle 18 circa.

Info: 0434 1573200 fondazione@pordenonelegge.it

Commenti (0)
Comment