Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata la decima edizione del "Jazz Festival"

Cultura e Spettacolo
26 agosto 2016

Lo swing di Ray Gelato in arrivo a Muggia

a cura della redazione
Il sassofonista inglese si esibirà a ingresso gratuito il 3 settembre. Il giorno seguente spazio al trio Williams-Faraò-Zanino
CONDIVIDI
15502
Ray Gelato (ph. Ufficio stampa Muggia Jazz Festival)
Cultura e Spettacolo
26 agosto 2016 della redazione

Quest’anno il Muggia Jazz Festival festeggia la sua decima edizione e per celebrare la ricorrenza, ospiterà due concerti-eventi a ingresso libero.

È quanto annunciato durante la conferenza stampa di presentazione al Caffè Teatro Verdi di Muggia dal vicesindaco, Francesco Bussani, dall'Assessore Comunale alla Cultura, Tullio Bellen, e dal Direttore Artistico, Stefano Franco, alla presenza del Commendator Dario Samer.

Il Festival, promosso dall'associazione B.B.C. (Boogie Bite Corporation) grazie alla collaborazione del Comune di Muggia e con il sostegno della Samer & Co. Shipping, si svolgerà al teatro Verdi di Muggia il primo week end di settembre, sabato 3 e domenica 4. 

Sabato 3 settembre sarà il sassofonista inglese Ray Gelato, a riscaldare e inondare di swing la città rivierasca. E domenica, in anteprima regionale, si esibirà un trio di recentissima formazione che vedrà sul palco alla batteria un grandissimo del jazz americano, Steve Williams (per venticinque anni al fianco di una delle più importanti pianiste e jazz singer, Shirley Horn), assieme al pianista Massimo Faraò e al bassista Aldo Zunino, già ammirati al Festival l'anno passato e che in questa edizione tornano a grande richiesta.

Il programma della rassegna jazzistica internazionale, riservata a esclusive assolute, presenterà non solo jazz, ma anche swing e boogie woogie con artisti di fama internazionale allo scopo di avvicinare alla musica colta il maggior numero di persone possibile e dimostrare che ascoltare il jazz può essere divertente e alla portata di tutti. Non mancheranno le jam session, da sempre un marchio di fabbrica del Festival, che vedranno interagire sul palco tutti i big presenti in riviera.

Commenti (0)
Comment