Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

A Gorizia dal 19 al 25 luglio

Cultura e Spettacolo
02 luglio 2013

Cinema, presentato il Premio Amidei

di Samantha Punis
Festival ridotto di tre giorni rispetto al passato.
CONDIVIDI
2281
Un momento della presentazione. Da sinistra: Gironcoli, Chiozza, Battello, Romoli, Risi
Cultura e Spettacolo
02 luglio 2013 di Samantha Punis

Ritorna dal 19 al 25 luglio prossimi il Premio Amidei, il Festival internazionale dedicato alla scrittura per il cinema arrivato quest’anno alla 32^ edizione.

Ridotto a sette giorni di programmazione contro i dieci degli anni passati per contrastare i tagli alla cultura e mantenere l’alto livello qualitativo che ha permesso di ospitare nelle precedenti edizioni artisti quali Abbas Kiarostami, Ken Loach, Edgar Reitz, Bernard Tavernier, Paul Schrader, Robert Guédigian e i grandi del cinema italiano – solo per citarne alcuni - il Premio Amidei conferma per l’edizione 2013 un programma all’altezza delle aspettative modulando incontri con ospiti della cinematografia internazionale, omaggi a grandi maestri del cinema, ampie retrospettive e focus sulle forme più contemporanee e underground del cinema d’artista.

Organizzato dal Comune di Gorizia con l'Associazione di Cultura Cinematografica “Sergio Amidei”, in collaborazione con l'Università degli Studi di Udine (DAMS Cinema di Gorizia), l’Ambasciata di Francia / Institut Français, con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e della Provincia di Gorizia, il Premio si divide idealmente in sette sezioni per sette giorni anche se le proposte e la contaminazione degli eventi sarà costante come nella migliore tradizione dell’Amidei.

 

Queste le sezioni tematiche dell’edizione 2013:

PREMIO OPERA D’AUTORE A PATRICE LECONTE

Proseguendo nell’ormai storica attenzione alla cinematografia francese, il Premio Sergio Amidei attribuisce il suo riconoscimento più prestigioso – il Premio Opera d’Autore - a Patrice Leconte, autore di tanti film importanti e conosciuto narratore della migliore tradizione transalpina.

Nato per omaggiare i grandi autori che hanno saputo distinguersi come artisti completi con una particolare attenzione nell’ambito della scrittura, della sceneggiatura e della narrazione, giungendo ad una umana e completa comprensione dell’arte e della vita, Il

Premio Opera d’Autore conferma l’attenzione del Premio Amidei per il cinema attento a temi di attualità sociale radicati nelle contemporaneità, acuti investigatori dei pregi e dei difetti del nostro tempo.

Per offrire una panoramica il più ampia possibile sull’opera di Leconte – che raggiungerà Gorizia per ritirare il Premio e partecipare ad alcuni importanti incontri coordinati dal docente, critico cinematografico e Coordinatore artistico del festival Roy Menarini – il Premio Amidei presenterà una selezione della sua copiosa filmografia realizzata in più di quarant’anni di attività.

Questi i titoli: Il marito della parrucchiera, Il mio migliore amico, L’insolito caso di Mr. Hire, L’uomo del treno, La bottega dei suicidi, La ragazza sul ponte, Ridicule, Confidenze troppo intime, Tango, Tandem, Uno dei due.

Commenti (0)
Comment