Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Nell'ambito del Premio Luchetta

Cultura e Spettacolo
04 giugno 2015

Testimoni della Storia, riconoscimento a Ferruccio de Bortoli

a cura della redazione
L'ex direttore del Corriere della Sera sarà a Trieste il 2 luglio per il ritiro ufficiale.
CONDIVIDI
10213
Ferruccio de Bortoli (ph. Ufficio stampa Volpe Sain)
Cultura e Spettacolo
04 giugno 2015 della redazione

Va a Ferruccio de Bortoli la IV edizione del Premio FriulAdria Testimoni della Storia 2015, promosso dal Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta su impulso di Banca Popolare FriulAdria - Gruppo Cariparma Crédit Agricole, d’intesa con i festival pordenonelegge ed èStoria.

«Figura di spicco nel mondo della comunicazione per autorevolezza, equilibrio e correttezza – recitano le motivazioni – Ferruccio de Bortoli può essere definito il perfetto esempio del giornalista con la “schiena dritta”. Il rispetto dell’etica professionale è stato linea guida, per Ferruccio de Bortoli, nei quarant’anni della sua carriera e per questa ragione merita a pieno titolo il riconoscimento del Premio FriulAdria quale “testimone del nostro tempo”».

Il premio, assegnato nelle scorse edizioni a Gianni Minà, Giovanni Floris e Lilli Gruber, sarà consegnato giovedì 2 luglio alle 18 nel Cortile del Palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia, nell’ambito della 1^ edizione di L.INK, Premio Luchetta Incontra. Lo scorso maggio in occasione del festival èStoria di Gorizia era stato consegnato il Premio FriulAdria Il romanzo della storia a Roberto Saviano e il prossimo settembre al festival pordenonelegge sarà consegnato il Premio FriulAdria La storia in un romanzo.

 

Milanese, 62 anni, dal 15 maggio scorso presidente della casa editrice Longanesi, Ferruccio De Bortoli ha diretto per quattro anni il più importante quotidiano economico italiano, Il Sole 24 ore, e per due volte Il Corriere della Sera, testata di riferimento del giornalismo nazionale, negli ultimi difficili vent’anni del nostro Paese: sino all’aprile scorso quando è diventato presidente della casa editrice Longanesi. Ai vertici Rcs dal 2003 al 2005, De Bortoli è stato Presidente della Casa Editrice Flammarion S.A. e Vice Presidente dell'Associazione Italiana Editori (A.I.E.). De Bortoli è nato a Milano il 20 maggio 1953. Laureato in giurisprudenza all'Università degli Studi di Milano, è giornalista professionista dal 1973. Al Corriere ha cominciato nel 1979 come cronista per poi passare alle pagine economiche. È stato caporedattore dell'Europeo e del Sole 24 Ore. Nell'aprile del 1987 torna al Corriere con la qualifica di caporedattore dell'economia e commentatore economico. E' diventato Vice Direttore del Corriere della Sera nel dicembre del 1993 per poi passare, l'8 maggio 1997, Direttore. E' stato anche Presidente della "Fondazione Pier Lombardo - Teatro Franco Parenti" e Presidente della "Fondazione Memoriale della Shoah di Milano Onlus".

Commenti (0)
Comment