Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Produzione teatrale di CTA Gorizia e CSS Udine

Cultura e Spettacolo
18 marzo 2015

Parte da Gradisca l'avventura di Felicino

a cura della redazione
L'attrice Desy Gialuz e il musicista Michele Budai faranno rivivere per i giovanissimi della regione la piece tratta dall'opera di Anne Gaëlle Balpe.
CONDIVIDI
9333
Desy Gialuz in "Felicino" (ph. CTA Gorizia)
Cultura e Spettacolo
18 marzo 2015 della redazione

La magia degli albi illustrati e delle parole che incontrano le immagini tradotta in scena, in uno spettacolo d’atmosfera che racconta una storia senza tempo, fatta di gesti semplici e di emozioni tenere: “Felicino” titola la pièce tratta dalle pagine dell’autrice parigina Anne Gaëlle Balpe - “Il sassolino blu” e “Il filo rosso” -  illustrate dai disegni di Ève Tharlet. Lo spettacolo, al debutto lunedì 23 marzo alle 9.45 a Gradisca d’Isonzo (presso la scuola dell’infanzia con doppia replica) è la tappa iniziale del progetto dedicato ai più piccoli, avviato in coproduzione, questa stagione, dal CTA Gorizia e dal CSS Centro di produzione teatrale del FVG.

Felicino” è il piccolo protagonista delle storie di Anne Gaëlle  Balpe: la trasposizione scenica firmata dal regista Roberto Piaggio con la consulenza drammaturgica di Antonella Caruzzi intreccia teatro d’attore e teatro d’oggetti in una partitura teatrale fortemente legata alla musica e ad una originalissima e ‘coreografica’ strumentazione, per tamburi e percussioni, kalimba, cajon, bodhran, bendir, xilofono, flauto a coulisse, chitarra acustica e a 12 corde, guiro, cabasa... Lo spettacolo nasce dal progetto finalista al Premio Scenario Infanzia 2014, curato dall’attrice Desy Gialuz, affiancata in scena dal musicista Michele Budai. Insieme, a due voci, evocheranno una piccola storia raccontata con l’ausilio di oggetti “fuori dal tempo”, inconsueti e misteriosi se guardati con gli occhi dei bimbi di oggi: un arcolaio, un forma scarpe, una squadra da sarto… Dalla cesta di zia Elisabetta escono a poco a poco oggetti, cianfrusaglie, frammenti di memoria che accendevano la fantasia di Desy e Michele quand’erano bambini. Grazie a quel baule oggi Desy scrive storie e Michele è diventato un musicista. Fra gli oggetti della cesta spunta anche il sassolino blu al quale Desy ha dedicato una storia: quella di Felicino, appunto, che lo ha trovato "ai piedi di una margherita”. Gli amici del bosco – cinghiale, la lupa e altre creature, persino tre folletti che giocano a biglie - gli consigliano di gettarlo, ma lui sa che un giorno quel sassolino potrà tornargli utile. E quando incontra una bambina in lacrime, Felicino capisce di aver fatto la cosa giusta ...

Una storia piccola, ma solo in apparenza, perché sprigiona l’intensità di valori e sentimenti grandi: bontà, altruismo, generosità con i più piccoli. Un sassolino blu come seme di un sogno: un soffio che ci sospinge da qualche parte e ci aiuta ad avanzare. Realizzato con gli oggetti di scena di Elisa Iacuzzo e le musiche originali di Budai, “Felicino” si replicherà sui palcoscenici regionali nell’ambito della programmazione CTA dal 23 marzo al 1 aprile e dal 6 all'8 maggio 2015 e per la stagione del TIG Teatro per le nuove generazioni del CSS dal 13 aprile al 5 maggio, nelle scuole dell'infanzia di Udine e provincia. 

Commenti (0)
Comment