Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Sondaggio dell'Osservatorio nazionale Waste Watcher

Società
23 dicembre 2014

Natale e la crisi: niente sprechi per il cenone

a cura della redazione
Quattro italiani su cinque riutilizzeranno eventuali avanzi. E la spesa sarà fatta all'ultimo momento.
CONDIVIDI
8242
Tavola-di-Natale.jpg
Società
23 dicembre 2014 della redazione

Natale 2014, se non più buoni gli italiani saranno senz’altro più virtuosi: lo anticipa il nuovo sondaggio dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market /Swg, che nella generale tendenza alla moderazione di acquisto (“comprerò le solite cose natalizie, senza esagerare” dice il 41%, degli intervistati, “cercherò di risparmiare il più possibile” racconta il 30%) ha rilevato le strategie antispreco messe a punto per la spesa delle feste. L’81% degli intervistati – 4 italiani su 5, dunque – dichiara che riutilizzerà in vari modi eventuali residui del cenone: consumandoli i giorni successivi per il 64%, congelandoli per consumarli più avanti nel 12% dei casi, invitando amici e parenti a consumarli nel 5% dei casi. Il 18% degli intervistati addirittura esclude di produrre avanzi e solo l’1% ha dichiarato di voler gettare eventuali avanzi della cena di Natale.

Ma in vista della spesa delle feste si cerca soprattutto di giocare d’anticipo per battere lo spreco: 9 italiani su 10 dichiarano di voler controllare quello che c’è già in casa prima di fare la spesa, e sempre 9 su 10 che si faranno una lista di quello che serve realmente. Congelare quello che non si consuma subito è una prassi acquisita per oltre 8 italiani su 10, e 7 su 10 dichiarano di aver ridotto la quantità di spesa per prevenire lo spreco. Nel 65% dei casi la spesa si concretizza solo in vista dei pranzi e cene, non con largo anticipo. Infine, un italiano su due vede nel packaging la soluzione ai problemi di spreco e privilegia l’acquisto di confezioni più piccole. 

Commenti (0)
Comment