Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Progetto di Friuli Future Forum

Attualità
01 settembre 2014

Nuova manifattura per Udine e Pordenone

a cura della redazione
Una proposta che mira a definire nuovi modelli di sviluppo per il comparto manifatturiero.
CONDIVIDI
6969
NuovaManifattura7.jpg
Attualità
01 settembre 2014 della redazione

Un progetto, curato dall’Ocse e ispirato alle azioni di sviluppo locale del suo Programma Leed (Sviluppo Locale dell’Economia e dell’Occupazione), che mira a definire nuovi modelli di sviluppo per il comparto manifatturiero, settore centrale e cardine delle economie dei territori delle province di Udine e Pordenone, che ha sofferto pesantemente lo stravolgimento di sistema causato dalla crisi. L’obiettivo? Consentire al Friuli di spostarsi velocemente dal “porre domande sul futuro” a “fare proposte sul futuro”, sulla base di una serie di azioni, che saranno messe in campo nei prossimi mesi: un’analisi della situazione congiunturale, un confronto con modelli di sviluppo applicati in aree internazionali dalle caratteristiche analoghe a quelle friulane, l’elaborazione partecipata, “bottom up”, di scenari e pareri sugli strumenti e le modalità più utili a una riconfigurazione del sistema produttivo locale nel prossimo decennio. 

Il progetto “Nuova Manifattura” è una delle tre declinazioni del progetto Friuli Future Forum pronte a partire con l’autunno ed è promosso dalle Camere di Commercio di Udine e di Pordenone insieme all’Assessorato alle attività produttive della Regione, con il coordinamento e la supervisione dell’Ocse. Un’inedita, nuova rete di collaborazione concreta fra economie, istituzioni e territori, dunque, a livello locale ma di respiro regionale e internazionale. 

Nuova Manifattura” è stato presentato stamattina in conferenza stampa nella Sala del Consiglio della Camera di Commercio di Pordenone dai presidenti camerali pordenonese e udinese Giovanni Pavan e Giovanni Da Pozzo e dall’assessore regionale alle attività produttive Sergio Bolzonello. Con loro, il project manager di FFf Renato Quaglia e la professoressa Chiara Mio, docente del dipartimento di management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, che coordinerà il lavoro a livello locale. 

Il progetto “Nuova Manifattura” analizzerà le politiche, gli scenari e i modelli possibili in cui fare o riconfigurare impresa nel prossimo futuro e per superare oggi l'attuale crisi di sistema. Il lavoro affronterà anche le interdipendenze del manifatturiero: dal tema dei distretti e delle filiere a quello dei modelli finanziari, dell’energia, delle commodities, delle materie prime (bio-nanotecnologie e nuovi materiali). E inoltre: le relazioni fra impresa e destinatari dei prodotti, i social media, le nuove tecnologie, la trasparenza e le modalità per ridefinire l’identità d’impresa e creare vantaggio competitivo. Ma anche la possibilità di rivitalizzazione dei settori maturi e la creazione di nuovi comparti, la dimensione di impresa nelle dinamiche competitive, le forme di impresa oltre l’ingegneria finanziaria, la cooperazione e la partecipazione alla governance

L’obiettivo finale riguarda il disegno di un possibile nuovo modello di manifattura per questa regione, un modello capace di competere sul piano nazionale e internazionale, un piano di azione concordato con le policy regionali ed europee, con un nuovo approccio strategico. 

L’impegno dell’Ocse sarà articolato e curerà una serie di crono-azioni, a partire da questo mese, per concludersi nella primavera del 2015. I temi più rilevanti, le priorità e le aspettative emergeranno dal confronto diretto con le imprese stesse, sulla base di un’analisi dei dati e degli studi sulla situazione esistente. Le proposte scaturiranno dal confronto a livello locale e internazionale, che si baserà su incontri e focus group in fase di definizione: imprese locali del manifatturiero si confronteranno tra loro e anche con realtà internazionali analoghe che però hanno già gestito con successo processi di riorganizzazione. Ma il confronto coinvolgerà anche funzionari della Regione e di quelli di altri Paesi che hanno gestito analoghe riorganizzazioni, in modo che la politica e l’amministrazione possano capire come meglio impostare a livello locale i processi decisionali, dare indirizzo e favorire il cambiamento. 

Il documento finale del progetto prevedrà un’analisi dell'evoluzione storica e della situazione attuale di crisi del manifatturiero delle province di Udine e Pordenone. Il risultato atteso di questa fase di analisi dovrebbe essere un documento condiviso con i principali stakeholder economici che presenti una sorta di analisi tra punti di forza, punti di debolezza, minacce e opportunità del nostro sistema economico e in particolare del comparto considerato. Da questa base, grazie al lavoro di coordinamento accademico a livello locale e al supporto degli esperti dell’Ocse, si formerà un piano di lavoro, un’“agenda” condivisa delle politiche e degli interventi necessari al rilancio e all'innovazione del sistema produttivo friulano. Oltre agli imprenditori, saranno coinvolte nel progetto le categorie economiche, che permetteranno anche di valorizzare i lavori di analisi e studio già sviluppati recentemente. Saranno anche prese in considerazione le risorse comunitarie relative alla programmazione 2014-2020, così da creare allineamento di obiettivi strategici e sinergie nell'utilizzo delle risorse. I tavoli di discussione aiuteranno il Friuli a definire, tra l’altro, il suo ruolo nazionale e internazionale, la sua capacità di centro manifatturiero e logistico sulla base delle attività economiche esistenti, un piano di azione per un nuovo approccio strategico.

Commenti (0)
Comment