Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Presentata a Gorizia l'indagine congiunturale di Unioncamere

Attualità
03 luglio 2014

FVG, la crisi è alle spalle?

a cura della redazione
Segnali incoraggianti da manifatturiero e vitivinicolo. Ancora negativi, invece, commercio, ospitalità ed edilizia. Il futuro resta incerto.
CONDIVIDI
6262
Giovanni Da Pozzo, presidente di Unioncamere Fvg
Attualità
03 luglio 2014 della redazione

I risultati della settima indagine congiunturale di Unioncamere Fvg indicano qualche segnale di ripresa per l’economia della regione. In particolare, è l’industria manifatturiera a manifestare tendenze in crescita, con un aumento della produzione del 2,6%, e così il vitivinicolo (+3,3%). Restano invece in area negativa il commercio (pur se di poco, -0,5%), l’edilizia (-6,4%) e i servizi dell’ospitalità (-1,53%).

La performance positiva dell’industria è confermata sia a Udine (+3,9% la produzione nel primo trimestre 2014) sia a Pordenone (+4%). Sono, in sintesi, gli esiti dell’indagine congiunturale Unioncamere Fvg, presentata stamattina in Cciaa a Gorizia dal presidente Giovanni Da Pozzo assieme ai colleghi delle Camere provinciali Gianluca Madriz (Gorizia), Giovanni Pavan (Pordenone) e Antonio Paoletti (Trieste). Con loro, anche Nicola Ianuale, presidente di Questlab, la società incaricata di elaborare l’indagine, che ha riguardato come sempre un campione di circa 1.500 imprese di tutta la regione, nei settori indicati, analizzando i risultati dell’attività d’impresa nel primo trimestre 2014 e le aspettative per il secondo.

Aspettative, in particolare, che si stanno spostando verso un atteggiamento di ottimismo, pur con differenze sostanziali tra settore e settore: nel vitivinicolo, nei servizi all’ospitalità e nella manifattura prevalgono gli imprenditori con aspettative positive (di fatturato e vendite in aumento), viceversa nelle costruzioni e nel commercio le attese sono ancora pessimistiche.

Per analizzare i dati, l’inquadramento della situazione economica è stata evidenziata dal presidente Da Pozzo in base alle elaborazioni del Centro Studi Unioncamere Fvg. Innanzitutto, l’andamento del commercio internazionale: per l’economia regionale, qualche segnale positivo si legge in particolare dall’andamento congiunturale delle esportazioni. Nel primo trimestre 2014 il valore dell’export del Friuli Venezia Giulia è stato pari a 2.630 milioni di euro e sono in deciso aumento (+7,25%) rispetto allo stesso periodo del 2013. Le importazioni ammontano a 1.512 milioni di euro e sono calate del 7,15%. Il saldo commerciale è positivo per 1.118 milioni di euro. L’andamento congiunturale (cioè rispetto al trimestre precedente) delle esportazioni nel Fvg risulta dunque positivo da tre trimestri, e in particolare, nel primo trimestre 2014, sono sia Udine che Pordenone a registrare le variazioni migliori, rispettivamente con un +10% e un +6,7% in termini tendenziali (ossia rispetto allo stesso periodo del 2013). Si registra dunque, finalmente, l’allineamento del Fvg alle economie del Nord Est: anzi, l’export della regione cresce in misura più forte rispetto al Veneto (+2,7% che però era partito prima) e al Trentino Alto Adige (+3,18%) .

Altre considerazioni importanti riguardano l’occupazione: nel primo trimestre 2014 in Fvg le forze lavoro sono rimaste pressoché stabili (un lievissimo aumento del +0,6%), ma il tasso di disoccupazione regionale è salito all’8,7%. Il progetto Excelsior sulle previsioni occupazionali delle imprese del Fvg prevede, nel 2014, un saldo negativo di 3.450 unità: a fronte di circa 17mila assunzioni fanno riscontro 20mila e 500 uscite.

Infine, il rapporto imprese-credito: nel Friuli Venezia Giulia sono ancora in flessione i prestiti bancari alle imprese. Nei primi mesi del 2014 la contrazione dei finanziamenti è proseguita: -6,3% per le imprese e -0,71% per le famiglie.

Commenti (0)
Comment