Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Dedicata la prima copertina di "That's Italia"

Turismo
01 luglio 2014

Dolomiti Friulane, paradiso da prima pagina

di Marina Tagliaferri
Da Maniago ai Magredi, un viaggio affascinante tra tesori d'arte, antichi mestieri e cibi deliziosi.
CONDIVIDI
6233
La copertina del primo numero di "That's Italia", dedicata alle Dolomiti Friulane
Turismo
01 luglio 2014 di Marina Tagliaferri

È dedicata alle Dolomiti Friulane la copertina del primo numero, quello di giugno, di That's Italia, la nuova rivista di viaggio di Rosati Editore, pensata per valorizzare bellezze e destinazioni più o meno conosciute della penisola e distribuita per il lancio con Viaggiando, la testata storica dell’editore.

All’interno, un lungo reportage, che parte dalla zona pedemontana, firmato da Marco Santini (fra i più conosciuti e apprezzati  reporter di viaggio italiani, con all’attivo centinaia di reportage nei 5 continenti), venuto nei mesi scorsi per raccogliere spunti, fare interviste e scattare foto, su invito di Montagna Leader. Quattordici pagine nella prima parte della rivista, dense di foto suggestive e puntuali, di spunti e motivazioni  per le visite, di appuntamenti estivi e notizie pratiche per i turisti, con un occhio di riguardo per tutto ciò che queste terre offrono dal punto di vista enogastronomico e di attività turistica.

L’itinerario raccontato da Marco Santin si snoda da Maniago ai Magredi, per poi ritornare inoltrarsi verso Poffabro, Frisanco, Cavasso Nuovo. E ancora Travesio, Solimbergo, Lestans, Pinzano, Sequals, di cui svela mestieri artigianali, piccoli tesori d’arte e storia, cibi e vini, piacevoli attività da poter praticare en plein air. E poi la volta delle Grotte di Pradis e del canyonig e quindi, seguendo il fil rouge delle acque, di Polcenigo, di Palù di Livenza, del Gorgazzo. L’itinerario si conclude a Caneva.

“Una vera avventura vissuta intensamente – scrive Santini – tra esperienze adrenaliniche, oasi di pace, sentieri da togliere il fiato e una cucina che sa ridare il sorriso anche al più intransigente viaggiatore”.

Commenti (0)
Comment