Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Anteprima nazionale a Trieste

Cultura e Spettacolo
30 giugno 2014

Saluti da Miran

a cura della redazione
A vent'anni dai tragici fatti di Mogadiscio, il documentario biografico su Miran Hrovatin aprirà il Premio Luchetta 2014.
CONDIVIDI
6202
Un'immagine di Miran Hrovatin all'interno del documentario "Saluti da Miran"
Cultura e Spettacolo
30 giugno 2014 della redazione

Era il 1994. Sono passati vent’anni da quando l’operatore video triestino Miran Hrovatin è stato ucciso a Mogadiscio insieme alla giornalista Ilaria Alpi. Filmavano il ritiro dei soldati italiani dalla Somalia e indagavano su traffici illegali, armi e rifiuti tossici. A vent’anni da Mogadiscio, la Videoest - la casa di produzione fondata da Miran - i suoi amici, la moglie e il figlio con il regista Giampaolo Penco, hanno realizzato “Saluti da Miran”, un documentario biografico che per la prima volta racconta l’uomo e il giornalista Miran Hrovatin.

Un omaggio e molto di più: perché con questo lavoro si restituisce un periodo cruciale della nostra storia, nel quale confluiscono le immagini di Miran dagli anni ‘70 agli anni ‘90 e le immagini dei reportage di guerra da lui girati, in gran parte inediti. A cominciare dalle immagini che testimoniano i conflitti e le atrocità avvenute nello sfaldamento della Jugoslavia, ma anche nel Sahara e in Somalia. Una denuncia di tanto orrore inutile. Per non dimenticare le vittime, le ingiustizie, le tragedie, che è stato pagato con il sacrificio della propria vita.

In anteprima assoluta, “Saluti da Miran” sarà proiettato al Premio Luchetta 2014 domani (ore 17.15, Sala Predonzani): sfileranno interviste, ricordi, testimonianze di chi gli è stato vicino. In omaggio a Miran, sempre domani, giornata inaugurale degli incontri di Antepremio, sarà anche inaugurato il percorso espositivo I nostri angeli. Le migliori 10 foto nel ricordo di Miran Hrovatin, curato da Prandicom per la Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin.

L’iniziativa riunisce gli scatti che, dal 2004 al 2014, hanno vinto al Premio Luchetta nella sezione Miran Hrovatin per la migliore immagine fotografica. Inaugurata al festival vicino/lontano 2014, ospite quindi di èStoria, la mostra si aprirà martedì primo luglio, alle 17, e resterà visitabile i giorni successivi nel Palazzo della Regione in piazza Unità, mentre nelle prossime settimane farà tappa a Mittelfest e pordenonelegge 2014. Alle 18 la vicenda di Miran e di Ilaria Alpi sarà al centro dell’incontro su Il caso Alpi-Hrovatin: finalmente la verità?, condotto dal vicedirettore del Tg3 Giuliano Giubilei, alla quale prenderanno parte il presidente del Premio Ilaria Alpi Francesco Cavalli con la moglie di Miran, Patrizia Hrovatin e il regista Giampaolo Penco.

Commenti (0)
Comment