Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

L'ambasciatore Caracciolo in FVG

Cultura e Spettacolo
23 giugno 2014

La cultura è la risorsa per il futuro

di Margherita Reguitti
Il segretario dell'InCE convinto della rilevanza strategica della nostra regione di confine.
CONDIVIDI
6149
Giovanni Caracciolo di Vietri
Cultura e Spettacolo
23 giugno 2014 di Margherita Reguitti Image

Si è tenuto a Trieste, nella sede del Teatro Lirico Giuseppe Verdi, un simposio internazionale dedicato all’individuazione e valutazione di opportunità di collaborazioni e sinergie con enti e istituzioni musicali del Centro ed Est Europa in vista del sostegno finanziario dall'Unione europea.

L’iniziativa, promossa dall’Iniziativa Centro Europea – InCE - d’intesa con il teatro lirico, ha coinvolto esponenti di enti e fondazioni teatrali e di festival dei Paesi Europa centro-orientale e balcanica che compongono InCE ma anche rappresentanti di realtà dell’Est. L’obiettivo condiviso è stato promuovere e valorizzare creatività artistica e multidisciplinarietà nel quadro del comune patrimonio musicale, lirico, sinfonico e etnico-popolare.

I lavori sono stati aperti dagli interventi dell’ambasciatore Giovanni Caracciolo di Vietri, segretario generale dell’InCE, del sovrintendente della Fondazione Teatro Verdi , Claudio Orazi, e del sindaco di Trieste, Roberto Cosolini.

Spazio è stato dato alle opportunità di accesso ai fondi europei e alle prospettive offerte dalla programmazione europea per la cultura per il periodo 2014-2020. Tematiche rilevanti per l’Italia alla vigilia del semestre di presidenza italiana dell’UE.

“Si tratta di una occasione – ha affermato il sovrintendente Orazi – per condividere e discutere i temi della cooperazione internazionale e dell’accesso ai fondi europei con la finalità di realizzare progetti ispirati a grande concretezza d’attività nell’ambito del repertorio lirico-musicale tradizionale ma anche per sostenere nuove commissioni d’opera di giovani compositori e di danza”.

Promuovere la cooperazione interculturale, favorire il dialogo e lo scambio di esperienze, valorizzare i giovani talenti, sostenere la circolazione delle opere culturali sono fra le  priorità per l’InCE, che quest’anno celebra i 25 anni dalla fondazione.

“È nostra intenzione intensificare la progettualità in questo ambito – ha sottolineato l’ambasciatore Caracciolo – convinti che il sostegno alla cultura, soprattutto nella nostra area, possa contribuire ad affrontare le sfide del nostro tempo” .

Nel calendario dei lavori anche una tavola rotonda alla quale hanno partecipato i rappresentanti di alcuni teatri e festival europei, tra i quali il Theater an der Wien di Vienna, il teatri nazionali di Timisoara, il Mittelfest e il Festival di Lubiana.

Di rilievo è la partecipazione del Ravenna Festival, con il quale il Teatro Verdi di Trieste realizzerà la prestigiosa collaborazione per il “Requiem” di Verdi a Redipuglia il prossimo 6 luglio  sotto la direzione del maestro Riccardo Muti.

Commenti (0)
Comment