Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

"E i monti stanno a guardare"

Turismo
17 giugno 2014

Barcis e la Valcellina in bici

di Marina Tagliaferri
Nuova guida cicloturistica per scoprire su due ruote il comprensorio delle Dolomiti Friulane. Con 23 affascinanti percorsi.
CONDIVIDI
6051
In bici si potranno raggiungere anfratti naturali davvero speciali (ph. Pentaphoto)
Turismo
17 giugno 2014 di Marina Tagliaferri

“E i monti stanno a guardare”: questo il titolo della guida cicloturistica, fresca di stampa alla vigilia dell’estate 2014, che invita a scoprire sulle due ruote Barcis, il suo incantevole lago e la Valcellina. Realizzata dall’associazione Pro Barcis, con il Patrocinio del Comune di Barcis, della Comunità Montana e della Regione Friuli Venezia Giulia, la poket guida è uno strumento agile, tascabile, che i cicloturisti possono portare con sé nelle loro pedalate nelle Dolomiti Friulane, per andare alla scoperta di paesaggi e itinerari sempre nuovi. Il formato “marsupio” la rende di agile consultazione e di facile trasporto.

In tutto, sono descritti  23 percorsi dai nomi evocativi,  tra i quali spiccano: La magia di Barcis – Il giro del lago Aprilis; Prodigi della natura – Monti, forre e greti da Barcis ad Andreis, Il passo S. Osvaldo e il giro del lago del Vajont – Da Cimolais a Erto, Archeologia viaria – La vecchia strada della Valcellina, La Val Zemola - Dove osano le marmotte.

Adatti a tutti i tipi di biciclette purché dotate di un cambio efficiente, gli itinerari prendono il via dalla conca di Barcis e si sviluppano a nord verso la Val Meduna, a sud/est verso Montereale Valcellina e Castel d’Aviano (dove si raccordano alla viabilità di fondovalle), a ovest in direzione della valle del Piave. Sulla guida sono indicati anche alcuni percorsi fuoristrada, che si snodano su carrarecce o forestali a fondo naturale e vanno affrontati, ovviamente,  in sella a  una mountain bike.

Per rendere il più chiare possibile le indicazioni per gli appassionati di due ruote, le descrizioni degli itinerari sono affiancate da cartine e schede tecniche e da alcuni riquadri di approfondimento dedicati a tematiche specifiche.

La scelta degli itinerari, la predisposizione delle cartine, delle altimetrie e delle schede nonché la stesura dei testi sono opera di Carlo Favot, cicloturista friulano che ha all’attivo numerose esperienze sulle due ruote, membro dell’associazione internazionale “Confrérie des Randonneurs sans Frontieres" e autore di numerosi libri e guide.

In distribuzione presso l’Ufficio della Probarcis. Info: www.dolomitifriulane.info

Commenti (0)
Comment