Imoney tab white
Utilizziamo i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile sul nostro sito Web.
Quando utilizzi il nostro sito Web, accetti che vengano trasmessi cookie sul tuo dispositivo. Ulteriori informazioni

Laureato dell'Università di Trieste

Attualità
22 maggio 2014

Valorizzare il "Made in Italy", lo spiega un bosniaco

a cura della redazione
A Ismet Balihodzic, residente a Porcia, assegnato il prestigioso premio in memoria del Cavalier Marazzi.
CONDIVIDI
5526
Ismet Balihodzic mentre riceve il premio (ph. units.it)
Attualità
22 maggio 2014 della redazione

È Ismet Balihodzic, 25enne bosniaco residente a Porcia e laureato dell’Università degli Studi di Trieste, il vincitore del Premio di tesi di laurea “Cav. Filippo Marazzi” sul tema  “Made in Italy e internazionalizzazione”.

Il premio del valore di 5 mila euro, istituito da Emanuela e Carolina Marazzi, in collaborazione con l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia (UNIMORE), per ricordare l’imprenditore dell’industria ceramica scomparso nel 2012,  è stato assegnato a Balihodzic, autore della tesi “Il gap strategico sell-buy nell’internazionalizzazione delle imprese del mobile nel mercato USA”, discussa presso l’Università degli Studi di Trieste, nell'anno accademico 2012-2013, riportando la votazione di 110 e lode (relatore Vladimir Nanut e correlatore Donata Vianelli).
Il lavoro di Balihodzic esamina i fattori di successo nel contesto mondiale dei produttori italiani del mobile, le loro modalità di internazionalizzazione e l’effetto country of origin sul processo di acquisto dei dettaglianti nord-americani e dei buyer dei grandi magazzini. Lo studio mette in luce le cause che frenano la penetrazione commerciale delle imprese italiane del mobile nel mercato USA e propone alcune direzioni di marcia per stabilizzare la loro posizione competitiva previo superamento dei limiti che affliggono le loro strategie e politiche di marketing”.

Il verdetto è stato emesso dal comitato scientifico presieduto da Tiziano Bursi (UNIMORE) e composto da Giovanna Galli (UNIMORE), Giuseppe Bertoli (Università di Brescia)  e integrato da altri membri non accademici.

Al bando hanno partecipato 41 candidati provenienti da 18 diverse università e 2 Politecnici italiani. Ne è uscita a una specie di competizione nazionale, merito anche della azione di promozione, presso le proprie università, da parte dei professori e ricercatori soci di SIM.

La cerimonia di consegna del riconoscimento si è svolta alla Fondazione Marco Biagi di Modena, a margine  della tavola rotonda  su “Made in Italy e internazionalizzazione: percorsi e sfide”, che ha visto la presenza di autorevoli personalità accademiche e del mondo delle imprese, tra cui Francesco Casoli (Presidente Gruppo Elica), Lisa Ferrarini (Gruppo Ferrarini, Presidente ASSICA, Presidente comitato tecnico Confindustria per la tutela del made in e la lotta alla contraffazione), Giuseppe Gavioli (Amministratore Delegato CNH Italia), Vittorio Renzi (Direttore Generale Scavolini) e Mauro Vandini (Amministratore Delegato Marazzi Group).

Commenti (0)
Comment